RICERCA

L'ordine del tribunale. L'essenza del decreto produzione

Un ordine del tribunale non è altro cheuna sentenza della corte emessa solo dal giudice, la cui base è una dichiarazione per il recupero del debito finanziario, così come il recupero di beni mobili dal debitore

L'ordine del tribunale è applicato inl'ordine appropriato di esecuzione delle decisioni giudiziarie. Una caratteristica dell'ordine del tribunale è la mancanza di necessità che le parti sentano quando ascoltano i chiarimenti e, di conseguenza, i procedimenti stessi.

Nel procedimento giudiziario, le parti non lo sonoil convenuto e il ricorrente, come è consuetudine nella causa, e il debitore è la persona che è tenuta a riscuotere il debito, e il creditore, o il ricuperatore, che ha presentato un ricorso al tribunale. I casi di recupero dei debiti finanziari, di regola, sono nella produzione di giudici di pace che agiscono da soli. Ci sono una serie di circostanze in cui un giudice unico di un tribunale distrettuale emette un'ingiunzione del tribunale, tra cui:

· Squalifica di un magistrato.

· L'incapacità di trasferire il caso ad un'altra giustizia della pace.

· Assenza nell'area dei giudici di pace e altre condizioni previste dalla legge.

Un'ingiunzione del tribunale viene emessa sulla base di documenti presentati dal curatore. La procedura per l'emissione di un ordine è denominata procedura dell'impiegato.

Un ordine del tribunale esclude la presenza di determinatidibattiti e difficoltà, quindi può anche essere facilmente cancellato. L'ordine, o meglio la sua copia, viene inviato al debitore, che ha il diritto di ricorrere in appello entro dieci giorni.

Cancellazione dell'ordine giudiziario

La cancellazione di un ordine emesso da un giudice è regolata daGIC, art. 129. Il motivo della cancellazione è l'opposizione del debitore, ricevuto entro 10 giorni dalla data di rimozione. La corte dà chiarimenti al ricorrente che ora la richiesta dichiarata può essere presentata nuovamente, ma già come una procedura di reclamo. Le copie della decisione di annullare l'ordine vengono inviate a entrambe le parti entro tre giorni dalla sua esecuzione.

Quindi, se il debitore non è d'accordo con i requisitiordine del tribunale, può facilmente cancellarlo a tempo debito. Per quanto riguarda il termine, è necessario comprendere correttamente il significato dei 10 giorni assegnati dalla legge. Il fatto è che l'ordine del tribunale del debitore deve essere notificato ufficialmente, vale a dire, una lettera raccomandata arriva per posta, la persona deve firmare in base alla quale. Il periodo di dieci giorni inizierà solo dal momento della firma della notifica di ricezione di una copia dell'ordine del tribunale. Una lettera ordinaria nella cassetta delle lettere non è una notifica per il semplice motivo che potrebbe semplicemente essere rubata o erroneamente collocata in un'altra cassetta postale, il che implica la completa ignoranza dell'esistenza di un ordine del tribunale. Un tale ordine il debitore può cancellare anche dopo un anno.

Cosa succede se hai ricevuto una notificaun ordine del tribunale? Il primo passo è salvare una busta con un timbro dell'ufficio postale che indica la data in cui è stata ricevuta. Nel tempo consentito dalla legge, si dovrebbe lavorare per formulare un'obiezione sul proprio disaccordo con l'ordine del tribunale. Puoi inviare un'obiezione in due modi: portalo in tribunale o invialo per posta raccomandata, sempre con una notifica. In nessun caso è possibile utilizzare una semplice spedizione, il tribunale non può ricevere lettere e il tribunale non ha motivi particolari per rispondervi.

Avendo fatto tali semplici manipolazioni, puoiannullare un ordine del tribunale. Quando si afferma il motivo dell'obiezione, non è necessario descrivere dettagliatamente la propria posizione, piuttosto sottolineando brevemente la necessità di fornire prove documentali da parte del creditore in merito alle ammontare delle sanzioni, multe e sanzioni previste.

  • valutazione: