RICERCA

Principi del diritto tributario nella retrospettiva della formazione della scienza economica

Analisi retrospettiva scientifica dello sviluppola legge fiscale è impossibile senza considerare l'esperienza straniera delle scienze economiche e finanziarie in questo campo di ricerca. La comprensione della tassa come elemento integrante dello stato ha generato un numero di punti di vista diversi sulla sua essenza, scopo, meccanismo accettabile di raccolta, giustificazione legale per l'esenzione, composizione giuridica e principi di tassazione. Se le scienze economiche sono costantemente alla ricerca di principi che possano rispondere alle domande: come formulare correttamente i principi e le funzioni della legislazione fiscale, come raccogliere le imposte in modo ottimale, mantenere l'equilibrio delle finanze pubbliche e private, allora le scienze giuridiche cercano di rispondere alla domanda: come regolamentare tali attività pur mantenendo l'armonia degli interessi privati ​​e pubblici.

Pubbliche relazioni prevalenti in EuropaStati del periodo XVIII - XIX secolo. e la pratica della riscossione delle tasse superò di gran lunga le conquiste scientifiche dei pensatori nel campo della tassazione, che diede luogo a vari punti di vista sulla necessità, l'equità e la validità della pratica di riscuotere le tasse dallo stato. La presentazione di vari concetti riguardanti quali dovrebbero essere i principi della legge fiscale, si è verificata nel quadro del pensiero finanziario.

Tuttavia, questa circostanza non preclude uno studio dettagliato dei principi di tassazione in base alla legislazione fiscale. A supporto di questa posizione, puoi portare i seguenti argomenti:

- in primo luogo, la scienza della legge fiscale si trova inrelazione diretta con le scienze economiche nel campo della tassazione, poiché essendo oggetto di ricerca, le idee di base della legislazione fiscale sono sviluppate sotto l'influenza delle basi economiche e organizzative della tassazione, che sono i principi del diritto tributario e dei principi del controllo fiscale;

- in secondo luogo, il meccanismo di correzione fiscale a livello statale è impossibile senza una regolamentazione legale;

- in terzo luogo, c'è una separazione dei concettiprincipi di tassazione e principi del diritto fiscale. Le prime sono le idee fondamentali di natura economica, formulate sulla base di pratiche pertinenti. Danno origine a un altro fenomeno: le norme e i regolamenti della legislazione fiscale.

L'emergere e l'emergere della teoria delle tassetradizionalmente riferito agli insegnamenti di A. Smith. In primo luogo ha chiaramente formulato i quattro principi di tassazione, che in seguito sono stati definiti "dichiarazione dei diritti dei contribuenti" e hanno principalmente difeso gli interessi dei contribuenti. Il merito di A. Smith non consiste nella scoperta prioritaria dei principi, ma nella formulazione esatta del loro contenuto.

Questi principi di diritto fiscale sono i seguenti: il principio di giustizia, il principio di certezza della tassa, il principio di convenienza del pagamento, il principio di economia.

Il principio di giustizia è il doverecittadini di qualsiasi stato a partecipare ai costi di quest'ultimo in proporzione alla loro solvibilità. Secondo la teoria di A. Smith, la pratica della tassazione proporzionale corrisponde al primo principio, la cui essenza è il dovere dei contribuenti con redditi diversi di dare quote uguali al bilancio dello Stato.

La certezza dell'imposta è interpretata nel quadro dell'inammissibilità dell'istituzione di una tassa incerta, vale a dire deve contenere l'importo del pagamento, la data e il metodo di pagamento.

Il contenuto del principio di convenienza del pagamento è che la tassa dovrebbe essere riscossa in un momento conveniente per il pagatore e nel modo più conveniente.

Infine, il principio di economia implica la necessità di minimizzare il costo dell'esenzione fiscale.

Allo stato attuale dello sviluppo del pubblicoprincipio di giustizia della relazione, anche se non ha perso il suo significato originale, ma ha subito una trasformazione significativa in connessione con le mutevoli condizioni nelle sfere economiche, legali e sociali dell'attività umana. È considerato in due aspetti: orizzontale e verticale. L'essenza del principio di giustizia "orizzontalmente" è la seguente: entità che hanno la stessa posizione e hanno redditi, le seconde hanno la stessa base imponibile, sono obbligate a pagare le tasse a tassi uniformi. Il principio di giustizia "verticalmente" implica che le entità con risorse materiali diverse sono obbligate a alienare parti diverse del loro reddito.

Quindi, avendo considerato la ricerca più significativapatrimonio storico di natura economica e finanziaria, va notato che, in conformità con le realtà dell'origine e lo sviluppo di un'economia qualitativamente nuova di quel tempo, sono stati sviluppati vari concetti che includevano alcuni principi di diritto fiscale, che sono il risultato di una riflessione sia scientifica che pratica interazioni tra stato e società.

  • valutazione: