RICERCA

Art. 25 del codice di procedura penale con commenti

Art. 25 del codice di procedura penale della Federazione Russa afferma che su richiesta della vittima o del suo rappresentante, il procedimento contro l'imputato o la persona sospettata di un crimine può essere completato. Questa disposizione si applica agli atti di gravità media e piccola commessi per la prima volta. Considerare ulteriori art. 25 Codice di procedura penale con commenti.

Art. 25 UPK RF

Informazioni generali

Esenzioni dalla responsabilitàstabilito dalla norma numero 76 del codice penale. Art. 25 del codice di procedura penale li spiega e li specifica. In particolare, il completamento del procedimento è effettuato dall'investigatore in consultazione con il capo dell'unità investigativa o lo sperimentatore in accordo con il pubblico ministero. Il caso può essere risolto ai sensi dell'art. 25 del codice di procedura penale della Federazione Russa, se si è verificata una riconciliazione tra l'imputato / sospetto e la vittima. Inoltre, il danno arrecato a quest'ultimo deve essere appianato.

Art. 25 Codice di procedura penale: commento

Esenzione dalla responsabilità del crimineesprime un modo consensuale per risolvere il conflitto. La possibilità di cui all'art. 25 del codice di procedura penale e 76 del codice penale della Federazione Russa, testimoniano la proliferazione di inizi dispositivi su casi di atti di gravità moderata o minore, che hanno causato danni o creato una reale minaccia di insorgenza per la vittima. In questo caso è necessario tenere conto del fatto che qualsiasi procedura di natura consensuale dovrebbe escludere la completa posizione dominante di una parte nel conflitto e al tempo stesso garantire che vengano utilizzati solo criteri obiettivi per valutare la situazione specifica.

St 25 UPK RF e 76 UK RF

Il ruolo della risoluzione alternativa dei conflitti

L'introduzione di nuovi metodi di risoluzione in praticaLa disputa penale è oggi considerata una delle più importanti caratteristiche dello sviluppo di quasi tutti i sistemi giuridici esistenti. Come parte dell'Art. 25 del codice di procedura penale (con commenti) vi è una combinazione organica dei principi di ineluttabilità della responsabilità per ciascun reato e procedimento penale discreto. La legislazione, quindi, nei compiti degli organismi autorizzati prevede la possibilità di rifiutare di proseguire gli atti del caso o di completarlo. Tuttavia, le regole impongono requisiti obbligatori.

Poteri discrezionali

Completamento del procedimento giudiziario in base aArt. 25 del codice di procedura penale della Federazione Russa agisce come un diritto, ma non un obbligo degli organismi statali autorizzati a condurre misure investigative. Nel processo decisionale, l'appropriata struttura autorizzata dovrebbe essere guidata non solo dalle disposizioni di legge e dalle condizioni ivi stabilite. È inoltre necessario prendere in considerazione l'importanza sociale del caso in esame, considerazioni sull'efficacia e l'utilità del procedimento penale in corso.

Articolo 25 del codice RF

Riconciliazione delle parti

Si riferisce al sostantivomotivi non riabilitativi per il completamento di un procedimento penale. La riconciliazione ha una certa forma. I suoi partecipanti sono i soggetti del processo criminale - la vittima (rappresentante) e la persona contro cui viene condotta la persecuzione per la prima volta. Secondo la parte 1 dell'art. 25 Codice di procedura penale La riconciliazione è un prerequisito per il completamento del procedimento. Agisce sempre come una volontà reciproca delle parti, cioè non è unilaterale. Se la vittima (rappresentante) esprime un desiderio di riconciliazione, anche proceduralmente formalizzato sotto forma di una dichiarazione della fine del procedimento, e l'accusato o il sospetto si pronuncia contro di esso, allora la condizione obbligatoria non è soddisfatta. Pertanto, l'art. 25 Codice di procedura penale non può essere applicato. In questo caso, il completamento del caso è effettuato ai sensi della parte 2, art. 27 del codice di procedura penale.

Punto importante

In preparazione per il processo la vittimale possibilità previste dall'art. 25 Codice di procedura penale, le conseguenze di tali azioni. Non vi è alcuna indicazione nel Codice dei limiti temporali della riconciliazione che ha avuto luogo. Si deve presumere che ciò possa accadere prima che le persone autorizzate siano portate nella stanza di deliberazione, dove saranno condannate. In questa situazione, c'è un'analogia con l'arte. 20, parte 2 del Codice.

sulla base dell'articolo 25 delle compravendite all'estero

Composizione legale

Art. 25 del codice di procedura penale applicabile nei casi in cui:

  1. Il procedimento penale viene effettuato per la prima volta contro l'oggetto del reato.
  2. Una persona è accusata o sospettata di gravità lieve o moderata.

Condizioni legali per l'arresto del procedimento:

1. Materiale criminale. Questi includono la riconciliazione delle parti, che dovrebbe essere volontaria e valida, così come il livellamento del danno alla vittima da parte del reato.

2. Procedura penale. Nella qualità di loro sono:

  • dichiarazione della vittima (rappresentante);
  • prendere una decisione appropriata da una persona autorizzata di sua competenza;
  • il consenso del pubblico ministero nel prendere la decisione dal ricercatore o investigatore;
  • conformità con la forma procedurale.
    Commento su St 25 UPK RF

Lisciando danno

Ha una natura di legge civile. L'attenuazione del danno arrecato alla vittima è sempre accompagnata dal pentimento e dal rifiuto di ulteriori violazioni della legge. A questo proposito, dovresti prestare attenzione all'Arte. 76 del codice penale. Si applica esclusivamente ai detenuti per la prima volta. Il livellamento del danno deve essere inteso come il ripristino reale dei diritti della vittima, che sono stati violati, o il risarcimento in qualsiasi forma al danno a lui o alla proprietà che possiede, al danno materiale, così come al danno morale. Questa disposizione è contenuta nell'art. 15 GK. Secondo questa disposizione, una persona il cui diritto è stato violato può esigere il pieno risarcimento per le perdite che gli sono state inflitte, se il contratto o la legge non stabiliscono un risarcimento in misura minore. Secondo l'art. 152, comma 5, un cittadino, di cui i dati sono stati screditati, screditando la sua reputazione aziendale, l'onore, la dignità, può (unitamente alla confutazione di tali informazioni) richiedere il risarcimento dei danni e dei danni morali derivanti da tali atti.

terminato ai sensi dell'articolo 25 del codice RF

Spiegazione dei termini

La vittima (il suo rappresentante) indipendentementedeterminare le forme di danno e i metodi del suo livellamento verso il basso. Nell'art. 42 del CPC chiarisce il concetto. Normalmente, la vittima è una persona fisica che ha subito danni morali, patrimoniali e fisici a seguito del reato. Questa entità può anche essere una persona giuridica se la sua proprietà o reputazione commerciale è stata danneggiata. Per ognuno di questi tipi di danno, può essere applicato un determinato metodo di levigatura. Questo termine, in contrasto con la riparazione, implica un più ampio grado di discrezionalità nello stabilire i metodi e la portata del ripristino dei diritti violati della vittima. Le azioni volte a mitigare il danno devono necessariamente avere un carattere legittimo, socialmente utile e non violare gli interessi di terzi.

Dichiarazione della vittima

È anche una base legale.completa l'accusa. La dichiarazione deve indicare la richiesta per la fine del procedimento, il fatto della riconciliazione che ha avuto luogo. Questo documento funge da importante documento procedurale. A questo proposito, la dichiarazione deve essere correttamente registrata. Di norma, ciò avviene nel rapporto di interrogatorio o nella stessa sessione del tribunale. L'applicazione può essere registrata come documento procedurale separato. È allegato al file del caso.

Azioni di persone autorizzate

Circostanze associate a una validala volontà della vittima (rappresentante) deve essere chiarita insieme ai fatti che indicano che il comportamento dei soggetti è volontario e consapevole. In questo caso, è necessario essere guidati dalla disposizione della Costituzione che le autorità statali sono obbligate a garantire le libertà ei diritti di una persona e di un cittadino. Seguendo la regola, l'ufficiale di inchiesta, il pubblico ministero, il tribunale, l'investigatore dovrebbero chiamare la persona accusata o sospettata del crimine e la vittima. Le persone autorizzate sono obbligate a chiarire i diritti stabiliti dall'articolo 25 del codice di procedura penale della Federazione Russa, le conseguenze della riconciliazione. Alla persona che viene perseguita vengono anche spiegate le condizioni per la sua commissione (mitigazione del danno). Loro, insieme al fatto della riconciliazione, sono documentati.

Articolo 25 del Codice delle conseguenze RF

Procedimenti civili

Alla vittima dovrebbero essere spiegati i suoi dirittidopo la fine del processo. In particolare, se ci sono dei requisiti per una persona liberata dalla responsabilità ai sensi del codice penale, egli può presentarli in un procedimento civile. Inoltre, l'imputato o il sospetto, in relazione al quale è stata completata l'azione giudiziaria, deve essere chiarito che la testimonianza da lui fornita, comprese quelle relative all'obbligo di mitigare il danno, può essere utilizzata dalla legge contro di lui nei procedimenti civili.

Dovere procuratore

Con questa risoluzione ufficiale d'accusa concordata in relazione a:

  1. Riconciliazione con la vittima
  2. Rimorso attivo
  3. La possibilità di correggere una persona che non ha raggiunto la maggiore età applicandogli misure coercitive sotto forma di influenza educativa.

Il pubblico ministero deve esaminare attentamente i disponibilimateriale del caso, non limitato alla sola conoscenza della decisione dello sperimentatore o dell'investigatore. La persona autorizzata deve dimostrare la prova del fatto della commissione dell'atto illecito, l'osservanza delle condizioni stabilite nella legislazione per la cessazione del procedimento. Inoltre, il pubblico ministero è tenuto a verificare se la dichiarazione della vittima non appare come conseguenza di un'influenza illegale su di lui.

conclusione

Fermare il procedimento, la corte fala definizione corrispondente, l'investigatore, il pubblico ministero, l'investigatore - la decisione. Una copia della decisione viene inviata alla vittima, all'intervistato civile e al civile. Alla fine del procedimento penale in connessione con la riconciliazione delle parti, il recupero delle spese processuali viene effettuato con una o entrambe le parti. Questa disposizione è stabilita nell'art. 132, parte 9 del codice di procedura penale. La decisione sulla cessazione del procedimento penale può essere impugnata. La procedura per contestare un documento procedurale è stabilita da ch. 16 del CPC. L'autorità che decide sul completamento del procedimento può fissare un periodo specifico dopo il quale i partecipanti al procedimento (la vittima e l'autore) vengono richiamati. L'investigatore o investigatore deve accertarsi se sia stata raggiunta la riconciliazione tra le parti, nonché se l'imputato o il sospettato abbia adempiuto ai suoi obblighi di mitigare il danno. Nel caso di una risposta positiva, l'accusa può essere chiusa, con un procedimento negativo continua.

  • valutazione: