RICERCA

"Pleiad" è una costellazione e una poesia

Per significato semantico, la parola "pleiade"implica un tipo di comunità di persone della stessa epoca e una linea di attività. La parola deriva dalla mitologia greca antica. La Pleiade è le sette figlie di Atlanta e dei Pleioniani, che Zeus prese in cielo e si trasformò in una costellazione. Sei stelle brillano di una luce brillante, e solo una si nasconde timidamente - perché lei, non come le sue sorelle obbedienti, preferiva gli dei all'amato dei mortali. Secondo la stessa mitologia, l'antica costellazione delle Pleiadi serviva gli antichi navigatori come un faro celeste.

la galassia è

Non è sorprendente che questo oggetto spaziale sia accesoMolti secoli e millenni sono diventati il ​​simbolo preferito dei ministri delle Muse. Riflessione particolarmente brillante della costellazione dell'emisfero nord trovata nella letteratura elegante. Anche nei giorni dell'antichità, nel III secolo aC, nacque la scuola poetica alessandrina. I sette poeti che le applicarono - Omero, Jr., Apollonio, Nikandr, Teocrito, Aramur, Licotron e Filiq - si organizzarono in un circolo separato e si definirono le Pleiadi. Questa corrente è rimasta nella storia della letteratura antica come esempio di alta poesia.

poeti della galassia

Passò millenni, la storia si ripetè. Nel Rinascimento, nel 1540, i nuovi poeti delle Pleiadi si dichiararono in Francia. Era il tempo del romanticismo francese, e anche del fascino generale con la poetica antica. Un gruppo di giovani poeti, guidato da Pierre de Ronsard, ha pubblicato un programma veramente rivoluzionario per lo sviluppo della letteratura nazionale. È interessante notare che ce n'erano sette, che chiamavano la loro comunità solo "Pleiade". Era un tentativo di rianimare e dare nuovo respiro alla letteratura nativa, e allo stesso tempo era una sorta di disprezzo per le antiche tradizioni della poesia francese.

Su quale era il programma dei poeti "Pleiadi" basato? Fu esposto in un trattato di Joashen du Belle ed era una specie di manifesto, non di rinascita, ma piuttosto di creazione di nuova letteratura. La giovane generazione di poeti sosteneva di portare alla letteratura francese le tradizioni dell'antico verso alessandrino. Hanno spiegato questo desiderio dal fatto che la poesia ellenica, alessandrina è vicina alla perfezione - sia nello stile che nella poesia in generale. In un trattato francamente debole e controverso, è stata fatta una leggera riverenza verso la lingua madre: sì, la lingua francese è bella, ha grandi opportunità, ma non è sviluppata come il greco o il latino, e quindi deve essere sviluppata. E quale percorso di sviluppo raccomandavano le Pleiadi? Non era nient'altro che un'imitazione degli antichi.

l'eredità della galassia

La comunità poetica comprendeva altri cinque -Etienne Jodelle, Jean Antoine de Baif, Remy Bello, Jean Dora, Pontus de Tiar. L'eredità delle Pleiadi, che è sopravvissuta fino ai nostri giorni, è meglio conosciuta come la poesia di Pierre de Ronsard, che divenne un modello del vero romanticismo francese e della poesia lirica, che gli esperimenti falliti dei giovani greci del Rinascimento. Già negli anni '70, negli anni in declino scrisse veri e propri capolavori, in particolare i restanti della storia della letteratura francese "Sonnetas to Elena" - la dedica del suo ultimo amore senza speranza. E in loro non c'è traccia di imitazione, e non c'è versetto alessandrino caro al suo cuore, ma c'è solo un'anima viva e sofferente del poeta.

In periodi successivi nella storia della letteratura non lo èuna volta che la parola "Pleiades" suonava con riferimento alla poesia. Questa era, tuttavia, una designazione puramente determinativa di poeti di una corrente o di un'epoca. Così, nella moderna critica letteraria, viene spesso usato il termine "poeti delle Pleiadi di Pusher", "una pleiade di poeti d'argento". Ma questo, come scriveva Goethe, "un nuovo secolo - altri uccelli".

  • valutazione: