RICERCA

Collezionista di terre russe. Storia dell'Unificazione della Russia

Nel XIII secolo, il paese era esausto sotto l'umiliantegiogo, che impose la conquista mongola. Il paese era diviso in principati sempre più piccoli, che erano inimicizia tra loro. Il processo di unione delle terre russe è stato lento e trascinato per due secoli. Chi nella storia si è mostrato come un collezionista di terre russe? È possibile individuare alcuni principi eminenti che hanno trasformato la Russia frammentata in una Russia integrale.

L'apparizione del Principato di Mosca

Morendo, il grande Alexander Nevsky individuò il suoIl figlio minore di due anni, Daniil, ha un piccolo lotto al centro del quale si trovava Mosca. Solo all'età di quindici anni, Daniel Alexandrovich cominciò a regnare nelle sue terre con grande cura, cercando di vivere in pace con i suoi vicini, perché era debole.

collezionista di terre russe

I contemporanei apprezzavano la vita pacifica di Moscaprincipato, e le persone vi erano attratte. Mosca ha lentamente stravinto negozi mercantili, laboratori artigianali. Solo verso la fine della sua vita Daniel Alexandrovich attaccò Kolomna, che aprì la strada al Volga, alle sue terre, e Pereyaslavl-Zalessky, che era la "chiave" per i tanti gradi di Vladimir. Possiamo supporre che questo sia stato il primo collezionista di terre russe. Morì all'inizio del XVI secolo e lasciò dietro di sé cinque figli che continuarono la sua politica.

Ivan Danilovich

Il principe Ivan era il quarto figlio di Daniele e speraa regnare a Mosca, lui quasi non lo era. Ma i suoi tre fratelli maggiori - Yuri, Boris e S. Atanasio - è morto e ha lasciato eredi. Così, nel 1325 m, in quarantadue anni di regno ha avuto inizio nel Mosca atterra Ivan I Danilovic. A questa età, i governanti hanno spesso morti, e la vita il principe Ivan è appena iniziata. A quel tempo nessuno sapeva che lui - un collezionista di terre russe.

Due anni dopo, l'Orda fu uccisa a Tver.Questa rivolta locale ha portato una campagna punitiva mongola in Russia. Il principe Ivan fu costretto ad andare a sopprimere l'insurrezione a Tver e come risultato ricevette Novgorod e Kostroma, così come il trono del Granduca Vladimir.

ivan kalitas

Condizionalmente Ivan Kalita divenne il principe su tuttiprincipi della Russia, questo diritto gli diede il regno di Vladimir. Con fermezza, con ogni mezzo stabilito l'ordine di Ivan Kalita. Il collezionista di terre russe unì a Mosca l'autorità ecclesiastica, che un tempo era in Vladimir, con il laico. A tale scopo, nel 1326, pose per il metropolita Pietro il tempio della Madre di Dio. E dopo la morte di Kalita, il dipartimento ortodosso rimase a Mosca. Mi piacevano i principi russi o non mi piaceva, ma Mosca univa tutto il nord-est.

Personalità di Ivan I Danilovich

Ha evitato tutti i mezzi di conflitto conOrda, perché ha violato il corso pacifico della vita. Il tributo gli fu affidato per raccogliere da tutta la Russia e inviarlo all'Orda dopo l'insurrezione di Tver. Ma era difficile. Tutti, con qualsiasi pretesto, specialmente Novgorod, cercarono di evitare di rendere omaggio. Era necessario spaventare l'invasione, poi per compiacere i doni dell'ostinato. Era particolarmente difficile quando l'Orda richiedeva pagamenti straordinari. Inoltre, è stato necessario ristabilire l'ordine in tutto il territorio e trattare severamente con i ladri che hanno attaccato sia la franchigia bagaglio che i civili. Pertanto, il numero di rapine è diminuito, la vita delle persone comuni è diventata più facile.

Strano soprannome

Il suo soprannome è "Kalita" (una borsa, un sacco consoldi) Il principe Ivan ricevette per l'abilità di disporre del denaro, che distribuì volentieri ai poveri all'uscita dalle loro stanze. Fu immediatamente circondato da una folla, e per ciascuno era una moneta.

collezionista principe di terre russe
Anche se la stessa persona si avvicinava a luidiverse volte, il principe non ha mai rifiutato. Così ha ottenuto un altro soprannome - Bene. Inoltre, lui, sapendo come salvare, ha sempre inviato un tributo in tempo, e quindi nessun altro è passato dai principi russi all'Orda. Ciò ha portato al fatto che il diritto esclusivo di comunicare con l'Orda era radicato e per i suoi eredi. Soldi accumulati Ivan Danilovich era a capo del principato: comprò Uglich, Belozersk e Galich. Così era, il collezionista di terre russe.

Vita familiare

Il principe è stato sposato due volte. La prima moglie era Elena, presumibilmente la figlia di un principe di Smolensk. La seconda moglie era Ulyana, alla quale Ivan lasciò una ricca eredità e gioielli in oro della sua prima moglie.

"Il silenzio è grande"

Ed è stato istituito dal 1328 al 1340 nel paesela tanto attesa pace. Non ci sono stati più raid devastanti di "sporchi". Ci sono state costruite e cresciute città, una popolazione che nessuno ha distrutto e non ha preso in piena, aumentata, pacifica e tranquilla vita è stata stabilita, le forze sono state accumulate per combattere i mongoli. Il principe Ivan Kalita concluse matrimoni dinastici di figli e figlie con principi Yaroslavl, Rostov e Belozersk per disporre dei loro possedimenti. E l'erede di Simeon Ivanovich si sposò con la figlia di Gedimin, al fine di garantire la sicurezza dei confini occidentali. Il principe Ivan Danilovich è anche un collezionista di terre russe. Questo è certo.

A quel tempo, Ivan Danilovich rafforzò Mosca.Sulla collina Borovitsky costruì cinque cattedrali. Lo stesso metropolita Pietro pose la prima pietra della Cattedrale dell'Assunzione. Quindi Mosca si trasformò in una capitale religiosa.

primo collezionista di terre russe

Ivan Danilovich nel 1339 costruì un forteCremlino di quercia. Era una cosa molto importante Dopo tutto, i mongoli erano molto sospettosi di qualsiasi tentativo di rafforzare le città. Prima della sua morte, il principe prese il velo e lasciò il suo primogenito Simeon come erede. Dopo la morte di Ivan Kalita, nel 1340, i suoi figli completarono la decorazione dei templi con la pittura multicolore, ordinarono utensili rituali ai gioiellieri e lanciarono nuove campane sul campanile.

Successori di padre e nonno

La politica perseguita da Ivan Kalita,il collezionista delle terre russe, in breve, fu continuato dai suoi figli Semyon Proud e Ivan il Rosso. Hanno imparato tutto dal padre - ad andare d'accordo con i vicini e l'Orda, per pacificare i recalcitranti con doni o minacce. In Russia nel suo insieme, regnava la pace. E così passò il tempo. L'anno 1359 è arrivato. Oltre trenta anni di pace, è cresciuta un'intera generazione di persone che non conoscevano le incursioni dei mongoli. Ma il principe, la cui gloria non è svanita da secoli, Dmitrij Ivanovic, non poteva accettare la dipendenza economica e politica della Russia dall'Orda. I mongoli non avevano più la stessa unità. Sono stati fatti a pezzi dalle contraddizioni interne. Dmitrij Ivanovic decise di cogliere il momento giusto e rovesciare il giogo.

l'ultimo collezionista della terra russa

Ha vinto all'inizio dell'autunno del 1380sanguinosa battaglia di Kulikovo, sconfiggendo l'esercito di Mamaev. Ma il tempo per la completa liberazione della Russia non è ancora arrivato. Due anni più tardi, le truppe di Tokhtamysh hanno devastato e bruciato Mosca, e di nuovo i principi di Mosca, umiliato e cigno, si sono recati con i regali all'Horde Khan e hanno ricevuto un'etichetta per il regno.

Ivan Vasilyevich - l'ultimo collezionista della terra russa

Figlio del principe Vasily the Dark, che era ciecoil tempo delle guerre intestine, altri principi russi, che avevano grandi ambizioni, sedeva a otto anni con suo padre ed era il suo co-regnante. Era una scuola dura e perfino crudele. Il principe Vasili stesso era un sovrano mediocre, ma suo figlio si rivelò essere un potente statista.

Ivan Kalita collezionista di terre russe brevemente
Essendo salito al trono di Mosca nel 1462, non lo feceAndò ai Mongoli per un'etichetta sul regno. Sotto il suo governo, il principato di Mosca crebbe per terre e persone. Si risolse risolutamente con la frammentazione dello stato. Quando accadde, l'annessione di Yaroslavl (1463), Rostov (1474), Tver (1485) principati, così come la terra di Vyatka (1489). Nel 1478 distrusse la repubblica a Novgorod e soggiogò completamente la città con la terra stessa. Certo, era il Granduca, il collezionista delle terre russe.

Ricostruzione del Cremlino di Mosca

I lavori ambiziosi e su larga scala iniziarono nel 1495. Sono stati rasi al suolo tutti i resti delle mura del vecchio Cremlino, sono state costruite nuove torri e mura e il fiume Neglinka è stato allagato.

Ivan Kalita è un collezionista di terre russe

Si trasformò in un lago che era custodito dal Cremlino.dal nord di fuochi e nemici. Hanno scavato un fossato lungo il muro orientale e l'acqua del lago è andata lì. Il Cremlino è diventato un'isola inespugnabile. Nel 1479 fu costruita una nuova Cattedrale dell'Assunzione all'interno del Cremlino. Poi gli italiani costruirono la Camera sfaccettata. Era destinato alla ricezione di ambasciatori stranieri. Furono costruite anche diverse chiese e templi e il Cremlino divenne completamente irriconoscibile.

Vita personale

Il Granduca di Mosca fu sposato due volte. C'era contesa costante all'interno della sua famiglia. Ivan Young, il figlio della sua prima moglie, era l'erede. Ma odia fieramente la seconda moglie di suo padre, Sophia Paleologue, e i suoi figli. La nuova famiglia greca ha risposto con lo stesso odio.

Nel 1490 Ivan il Giovane si ammalò. La donna greca gli diede il suo dottore e morì. Ivan III fece erede il figlio di Ivan il Giovane, Dmitrij. Ma Vasily, il figlio maggiore di Sophia, minacciava il padre di fuggire in Lituania e iniziare una guerra per il trono con lui. Ivan III si arrese e lasciò in eredità il trono a Vasily. Dopo la morte di suo padre, Basil mandò tutti i suoi parenti in prigione, dove morirono. Ma prima si verificherà un evento significativo per la Russia.

Sul fiume Ugra

Dal 1476, Ivan III smise di rendere omaggio all'Orda. L'orda si preoccupò e cominciò a radunare forze in marcia verso Mosca. Nel 1480, le truppe della Grande Orda, che a quel tempo erano divise in tre khanati, che erano in ostaggio tra loro, sotto la guida di Khan Akhmat, si avvicinarono a Mosca a quasi cento chilometri di distanza. Era autunno inoltrato. Più volte l'Ordintia tentò di attraversare il fiume Ugra, ma i loro tentativi furono respinti dall'artiglieria, che Ivan III riorganizzò e adattò a tutti i migliori campioni.

Su anguilla

L'esercito comandava Ivan Young. Lo stesso Ivan III non entrò nell'esercito, ma preparò e fornì munizioni, foraggi e cibo. Per diverse settimane c'erano due eserciti su diverse sponde dell'Ugra. Colpi di gelate e Khan Akhmat riconducono il suo esercito. Così finì il giogo di 240 anni.

Quando i principi di Mosca hanno mostrato tutto il russola società che vogliono e può liberare il paese dal giogo mongolo, allora tutte le simpatie erano dalla loro parte. Ma la fine della vergognosa dipendenza richiedeva un rafforzamento del potere all'interno dello stato, in modo che non si disintegrasse nuovamente in parti più piccole. Ma questo è un compito che sarà risolto dalle prossime generazioni. Nel frattempo, la vittoria è stata espressa nel nuovo titolo - il sovrano di tutta la Russia.

  • valutazione: