RICERCA

Chi sono i giannizzeri? Il significato della parola "giannizzero"

Nelle note degli storici che descrivono l'ottomanoimpero, abbastanza spesso definito "l'esercito nell'esercito" - truppe speciali, direttamente subordinate al Sultano. Chi sono i giannizzeri, come è stato formato questo tipo di truppe in questo articolo.

Escursione alla storia

I giannizzeri sono conosciuti dalla metà del 14 ° secolo, quandoCon l'autorità di Sultan Murad I, furono organizzate unità della fanteria elite turca. Il significato della parola "giannizzeri" è "nuovo esercito" (tradotto dal turco). All'inizio, i loro ranghi erano formati da adolescenti e giovani cristiani catturati. Nonostante la rigida e talvolta fanatica educazione turca, i nomi cristiani furono lasciati ai futuri soldati. I giannizzeri venivano allevati separatamente dagli altri bambini, infondendo abilità di combattimento e lealtà fanatica al Sultano. Nel 16 ° secolo, i ragazzi di origine turca potrebbero diventare giannizzeri. Dai candidati sono stati selezionati i ragazzi più potenti, elastici e agili da 8 a 12 anni.

chi sono i giannizzeri
Eletto vissuto nelle caserme, la loro formazione ha avuto luogoin condizioni particolarmente difficili. I combattenti furono divisi in compagnie, mangiarono dal piatto comune e furono chiamati amici dell'Ordine dei Dervisci. Era proibito loro sposare, la loro famiglia era la loro compagnia (orta), il cui simbolo era considerato la caldaia.

A chi somigliava a quei giannizzeri, meglio di tuttifamoso storico del XIX secolo T.N. Granovsky. Le sue opere menzionano che il sultano turco aveva la più efficace fanteria del mondo, ma la sua composizione era piuttosto strana: "I giannizzeri conquistarono tutte le grandi battaglie, sotto Varna, sotto il Kosovo ..." Fu grazie al loro coraggio e valore che Costantinopoli fu conquistata. Così, il sovrano turco conquistò nuovi territori e rafforzò il suo potere grazie ai soldati che avevano una formazione cristiana.

Il meglio del meglio

I giannizzeri erano dotati di una serie di privilegi. A partire dal 16 ° secolo, avevano il diritto di avviare una famiglia, impegnarsi in vari mestieri e commerciare in tempo non militare. I soldati particolarmente distinti furono assegnati personalmente dal Sultano. Tra i regali c'erano gioielli, armi e un salario generoso. I comandanti delle compagnie di giannizzeri occuparono per molti anni le più alte cariche militari e civili dell'impero turco. Le guarnigioni di Odzhaki erano situate non solo a Istanbul, ma anche in tutte le principali città dello stato turco. Entro la metà del 16 ° secolo, i giannizzeri non accettano più gli alieni nelle loro fila. Il loro titolo è ereditato. E la Guardia dei giannizzeri diventa una casta sociale e politica chiusa. Questa forza interna, sufficientemente indipendente, partecipò a intrighi politici, eresse e rovesciò i sultani e svolse un ruolo enorme nella politica interna del paese.

chi sono i giannizzeri turchi

Forma dei giannizzeri

Chi sono i giannizzeri e qual è il loro posto in mezzoaltri tipi di truppe turche, evidenziate da alti cappelli, decorate con una grande piastra metallica frontale - keche. Ai lati di tali cappelli venivano cuciti dei bastoncini di legno che gli davano una posizione stabile. Dietro a questo copricapo era appeso un lungo letame di stoffa che raggiungeva la vita di un combattente. Il lungo shlyk simboleggiava la manica del derviscio principale, sotto la cui benedizione erano i giannizzeri. Il colore del cappuccio corrispondeva al colore del caftano (zupan) indossato dal guerriero.

Capispalla da giannizzero consisteva in un lungoun mantello caldo chiamato kerey. All'inizio, il colore stabilito del kerey non esisteva, ma all'inizio del XVIII secolo il mantello del custode era in molti casi rosso. Sotto il kereyu indossava un caftano di stoffa, di solito bianco, con lunghe maniche larghe. Sui lati, Zhupan aveva lunghi tagli, che permettevano al Giannizzero di muoversi liberamente in battaglia. E in fondo questo indumento era ricamato con corde dello stesso colore di Kerey. Il caftano era decorato con una fionda da sciabola e un'ampia cintura di pelle.

significato della parola janissary

Sotto il colore di Kerei c'erano pantaloni da harem, lunghi e larghi. Di solito coprivano la parte superiore dello stivale a metà.

Molti elementi dell'abbigliamento militare turco adottatie i cosacchi. Seguendo l'esempio dei giannizzeri, brillano gli zupani e i pantaloni larghi nei loro costumi. La somiglianza si manifesta in apparenza. Cosacchi e giannizzeri non portavano barbe, ma crescevano lunghi baffi. È difficile dire ora come è avvenuto questo prestito, ma il fatto che sia avvenuto è fuori dubbio.

Cosacchi e giannizzeri

Ufficiali giannizzeri

Gli ufficiali indossavano quasi la stessa uniforme dii restanti giannizzeri. Invece di un berretto con un mantello, ne misero uno alto, sul quale era legato un turbante, di solito bianco. A volte una cintura veniva avvolta su un cappello: un turbante improvvisato di solito era decorato con una specie di gioiello: un anello o una spilla con una pietra. Invece di una cintura di pelle, gli ufficiali indossavano una cintura ricamata di velluto o una ricca sciarpa persiana.

Armi dei giannizzeri

Originariamente gli ortes del yanichar erano arcieri,quindi la prima arma delle guardie turche era un arco. A differenza delle normali armi dei soldati, l'arco del janissary era complesso, con una vasta gamma di fuoco. Gradualmente gli archi cambiarono le loro pistole. Verso la metà del XV secolo, nell'arsenale del giannizzero c'erano un pugnale, una scimitarra e un'ascia. Il fatto che un tale janissary a sciabola e quale arma formidabile fosse, può essere giudicato dalle mostre del museo sopravvissuto.

cos'è il saber janissary

La scimitarra era un coltello lungo (fino a 70 cm),curvo a forma di corno di toro. A differenza della sciabola, la lama della scimitarra non era all'esterno, ma all'interno. La sua maniglia aveva l'aspetto della tibia. L'arma era così formidabile che solo i giannizzeri avevano il diritto di indossare una scimitarra. Inoltre, nel XVII secolo fu loro proibito di andare oltre i limiti del loro orthus con un simile coltello. Yatagan, come altre armi, era premio o trofeo. Se all'inizio della guerra un combattente dell'ortica non disponeva di armi personali, veniva distribuito dai comandanti.

Giannizzeri degli slavi

Di chi sono i giannizzeri turchi, e circaL'efficacia di queste formazioni militari era ampiamente nota. Non sorprende che tali unità abbiano anche cercato di formare altri stati. Tuttavia, in tutto tranne che per l'aspetto e lo scopo, i giannizzeri nell'esercito del Commonwealth differivano notevolmente dal loro omonimo turco.

All'inizio del XVIII secolo, prima della fine del NordLa guerra, come risultato dei negoziati tra i magnati dell'opposizione e il re Augusto II, portò a termine la riforma militare. Le truppe provvisorie cedettero il posto alle unità dell'esercito regolare, nella fanteria di cui c'erano due compagnie giannizzeri (stendardi). Hanno svolto il ruolo di guardia - consisteva sotto l'hetman e sono stati utilizzati da lui per incarichi separati e come guardie del corpo.

Orchestre militari

Horugvi aveva le proprie orchestre e le propriemusica. Tali orchestre erano chiamate cappelle janissarie. La principale differenza di una tale cappella era il tamburo, due volte più grande delle orchestre di altri reggimenti di fanteria. Sei o più musicisti, altrimenti chiamati surmachs, presero parte alla cappella. I contemporanei descrivono la musica giannermica come "barbara" e "terribile".

Giannizzeri nell'esercito del Commonwealth

La fine dei giannizzeri

I giannizzeri bielorussi hanno cessato di esisteredopo la sconfitta di Stanislav Radzivil. Dopo una serie di battute d'arresto militari, si ritirò all'estero. E il suo esercito personale fu sciolto e anche il distaccamento dei giannizzeri fu smobilitato.

Un destino più tragico ha atteso il loro turcocontroparti. Nell'impero ottomano, tutti sapevano chi erano i giannizzeri. A differenza del Commonwealth polacco-lituano, questi guerrieri non appartenevano alla guardia personale del Sultano, ma esistevano come casta militare chiusa, fino al 1826. Poi il Sultano Turco Mahmud II emise un ordine per distruggere i giannizzeri. Dato che nella battaglia aperta, le probabilità di sconfiggere guerrieri esperti erano insignificanti, il sultano andò al trucco. Più di 30 mila persone sono state attirate nell'Ippodromo e fucilate con bomboletta. Così finì l'era dei giannizzeri e la loro arte marziale non c'è più.

  • valutazione: