RICERCA

Cos'è l'omozigote in genetica? Caratteristiche di educazione ed esempi

In genetica, come qualsiasi altra scienza, c'èterminologia specifica progettata per chiarire concetti chiave. Tornati a scuola, molti di noi hanno ascoltato termini come dominanza, recessività, gene, allele, omozigosi ed eterozigosità, ma non hanno compreso appieno cosa c'era dietro di loro. Analizzeremo più in dettaglio cos'è un omozigote, cosa è diverso da un eterozigote e quale ruolo giocano i geni allelici nella sua formazione.

Omozigote recessivo

Qualche genetica generale

Per rispondere alla domanda, cos'è l'omozigote,ricorda le esperienze di Gregor Mendel. Attraversando diversi colori per colorare i frutti e la forma della pianta di pisello, arrivò alla conclusione che il risultato dell'incrocio della pianta eredita in qualche modo l'informazione genetica dai suoi "antenati". Sebbene il concetto di "gene" non esistesse, Mendel è stato in grado di delineare in generale il meccanismo di ereditarietà dei personaggi. Dalle leggi scoperte da Mendel verso la metà del diciannovesimo secolo, la seguente affermazione, in seguito chiamata "l'ipotesi della purezza dei gameti", è stata dedotta: "Nella formazione dei gameti, solo uno dei due geni allelici responsabili di questa caratteristica rientra in esso". Cioè, da ciascuno dei genitori otteniamo un solo gene allelico responsabile di un determinato segno: crescita, colore dei capelli, colore degli occhi, forma del naso, tono della pelle.

I geni allelici possono essere dominanti orecessiva. Questo ci porta molto vicino a determinare cosa sia un omozigote. Gli alleli dominanti possono mascherare un recessivo in modo che non si manifesti nel fenotipo. Se in un genotipo entrambi i geni sono recessivi o dominanti, allora questo è un organismo omozigote.

Cos'è l'omozigote

Tipi di omozigoti

Da tutto quanto sopra, puoi rispondere alla domanda,cos'è un omozigote: una cellula in cui i geni allelici responsabili di una particolare caratteristica sono gli stessi. I geni allelici sono localizzati su cromosomi omologhi e nel caso di omozigoti possono essere recessivi (aa) o dominanti (AA). Se un allele è dominante e l'altro no, allora è un eterozigote (Aa). Nel caso in cui il genotipo della cellula sia aa, è un omozigote recessivo se AA è dominante, poiché porta gli alleli responsabili del tratto dominante.

Funzionalità di attraversamento

Quando vengono incrociati due omozigoti identici (recessivi o dominanti), si forma anche un omozigote.

Ad esempio, ci sono due fiori bianchi di rododendro con genotipi bb. Dopo la traversata, otteniamo anche un fiore bianco con lo stesso genotipo.

Puoi anche dare un esempio con il colore degli occhi. Se entrambi i genitori hanno gli occhi marroni e sono omozigoti per questo sintomo, il loro genotipo è AA. Allora tutti i bambini avranno gli occhi marroni.

Tuttavia, incrociare gli omozigoti non sempre porta aeducazione omozigote per qualsiasi segno del corpo. Ad esempio, incrociando un garofano rosso (DD) e bianco (dd) si può ottenere un fiore rosa o rosso-bianco. Il garofano rosa, come il bicolore, è un esempio di dominanza incompleta. In entrambi i casi, le piante risultanti saranno eterozigote con il genotipo Dd.

Omozigoti incrociati

Esempi di omozigoti

Ci sono molti esempi di omozigoti in natura. Tulipani bianchi, garofani, rododendri sono tutti esempi di omozigoti recessivi.

Negli esseri umani, come risultato dell'interazione di geni allelici, spesso si formano anche organismi che sono omozigoti per qualche ragione, siano essi pelle molto chiara, occhi azzurri, capelli chiari o daltonismo.

Anche gli omozigoti dominanti sono comunituttavia, a causa della capacità dei tratti dominanti di mascherare i tratti recessivi, è impossibile dire subito se una persona è portatrice di un allele recessivo o meno. La maggior parte dei geni responsabili delle malattie genetiche sono causate da mutazioni genetiche e sono recessivi, pertanto appaiono solo se non esiste un allele dominante normale sui cromosomi omologhi.

  • valutazione: