RICERCA

Come ha fatto l'evoluzione dell'universo

Ci sono due punti di vista su come il materialemondo. Le religioni attribuiscono a Dio un ruolo di primo piano nell'ordine mondiale. In particolare, la Bibbia parla di alcuni giorni per i quali Dio ha prima creato luce, poi acqua, poi il firmamento, seguito da esseri viventi - fino alla persona. Ora le Chiese affermano che "sei giorni" è un termine metaforico, in cui il giorno non è uguale al giorno, ma dura molto più a lungo. Un'altra visione radicalmente opposta dell'origine del mondo visibile e materiale è scientifica. L'evoluzione dell'universo, secondo gli scienziati, è iniziata con il Big Bang (anche noto come il Big Bang), che si è verificato 10-15 miliardi di anni fa.

Cosa c'era prima della comparsa di tutto ciò che esiste? L'astronomia moderna crede che sia stata una sfera che si è ridotta a una dimensione minima, all'interno della quale particelle elementari libere si muovevano sotto l'influenza delle più alte temperature e pressioni. Tutto il materiale che ora riempie il cosmo sconfinato è stato compresso all'interno del punto tendente a zero in magnitudine, con cui è iniziata l'origine e l'evoluzione dell'universo. Non è ancora chiaro cosa abbia causato il Big Bang. Tuttavia, questa esplosione stessa ha portato all'espansione dell'universo e questo processo continua anche adesso. Cosa significa? Che lo stesso numero di particelle di materiale nel tempo assuma una quantità crescente.

Il mondo materiale si espanderà per sempre, oun giorno, la sua crescita nel volume rallenterà, si fermerà del tutto, come il modo in cui lo vediamo nell'esplosione di una granata? Forse, dopo questo, l'evoluzione dell'universo cesserà, e sarà sostituita dallo stadio di "ripiegamento", restringendosi al punto originale. Non siamo ancora pronti a rispondere a questa domanda con certezza. Ma l'immagine del mondo, creata dagli scienziati, può già descrivere le fasi successive della crescita e della trasformazione della materia. La prima era - quella adronica - durò solo un milionesimo di secondo, ma durante questo periodo si verificò un processo di annientamento di antibaryon e barioni, protoni e neuroni.

Il secondo e il terzo stadio dell'evoluzione dell'universo -lepton e photon - durò anche solo pochi secondi. Alla fine della seconda era, si formò un mare di neutrini e l'era dei fotoni terminò con la separazione della materia dall'antimateria (che si verificò a seguito dell'annientamento di positroni ed elettroni). L'universo si stava espandendo, il che ha portato ad una diminuzione della densità di energia di particelle e fotoni. Il fotone scenico è stato sostituito da uno stellare, che continua anche adesso. Tuttavia, la formazione di stelle, galassie e gruppi di galassie si è verificata (e in effetti si verifica) in modo non uniforme.

Milioni di anni passarono dopo il Big Bang, mentrele particelle più semplici trasformate in atomi - prevalentemente idrogeno ed elio (questi atomi sono il principale costituente dell'universo), gli atomi si fusero in molecole che entravano nei composti e formavano cristalli, sostanze, rocce minerali. Durante l'era stellare, che a questo stadio termina l'evoluzione dell'universo, le galassie, i sistemi stellari, i pianeti si sono formati, è nata la vita sulla nostra Terra. È possibile dire che i "fuochi d'artificio epici" sono finiti, e noi stiamo sui carboni rinfrescanti tra il fumo disperso?

Gli scienziati sono giunti alla conclusione che l'evoluzione dell'universocontinua. Le torsioni del gigantesco accumulo di idrogeno appiattiscono la materia, trasformano questi grappoli in gorghi. Così nascono galassie sferiche, ellittiche e appiattite (a seconda della velocità di rotazione di una colossale - centomila anni luce - un ciclo). L'ultimo tipo di galassie appartiene alla nostra - la Via Lattea. Le stelle si formano all'interno delle galassie sotto la pressione di coaguli di idrogeno. Subiscono anche lunghi stadi evolutivi: da supernova incandescente a "giganti rossi", "nane bianche" e buchi neri. Gli stessi processi si verificano con il nostro Sole, mentre il Cosmo continua ad espandersi.

  • valutazione: