RICERCA

La granduchessa Maria Vladimirovna Romanova

La granduchessa Maria Vladimirovna Romanova è nata nel 1953, il 23 dicembre a Madrid. Al momento è una nota figura pubblica russa.

Granduchessa Maria Vladimirovna

Linea ereditaria

Padre della Granduchessa - Vladimir KirillovichRomanov. Era il capo della famiglia imperiale (russa) in esilio. Madre di Maria Vladimirovna - Leonida Georgievna Bagration-Mukhranskaya. Con la morte di suo padre, l'ultima linea maschile della dinastia fu interrotta. La famiglia Romanov ha perso l'ultimo erede. L'ascesa al trono ai sensi dell'articolo 30 delle Leggi fondamentali dell'Impero russo continuò attraverso la linea femminile. La granduchessa Maria Vladimirovna Romanova divenne il capo della Family Imperial House.

biografia

I Granduchi dei Romanov in ogni momento eranoperfettamente educato. Molti di loro si sono diplomati presso le più famose istituzioni di istruzione superiore del mondo. La granduchessa Maria Vladimirovna è stata educata all'Università di Oxford. Per qualche tempo visse in Francia. Attualmente, il capo della casa imperiale è in Spagna. Erede al trono Maria Vladimirovna Romanova, la cui foto è presentata nell'articolo, è stata proclamata suo padre nel 1989. Dopo la sua morte nel 1992, ha pubblicato il Manifesto sulla presa di responsabilità nella casa imperiale. L'erede-tsesarevich allo stesso tempo la principessa Maria Romanova annunciò suo figlio - George.

matrimonio

Granduchessa Maria Vladimirovnaera sposato con Franz-Wilhelm (in ortodossia - da Mikhail Pavlovich) della Prussia. A Madrid, hanno avuto un figlio (nel 1981) - George. Nel 1985, il matrimonio fu sciolto e il principe Franz-Wilhelm ritornò di nuovo al luteranesimo. La granduchessa Maria Vladimirovna e il suo ex marito sono una sorella e un fratello della sesta generazione. Sono entrambi discendenti di Louise Mecklenburg-Strelitzky e Friedrich Wilhelm III.

Granduchessa Maria Vedimirovna novanna

titolo

La granduchessa Maria Vladimirovna si riferisce a se stessacapo della casa imperiale (russa). La legittimità della domanda di titolo è controversa per il ramo di "Nikolayevich". Ha iniziato a esprimere discordanza discendente della regina Vittoria d'Inghilterra. Nikolay Romanovich inoltre non riconosce i diritti della principessa. I Romanov, che rappresentano il secondo ramo dei discendenti, indicano anche alcune difficoltà e ambiguità nella questione dell'uniformità del matrimonio, da cui, in effetti, è nato il capo della Casa Imperiale. Tuttavia, ci sono quelli che non riconoscono questo matrimonio come morganatico. La granduchessa Maria Vladimirovna giustifica i diritti, usando la legge "Sulla successione alla successione" e l'Istituzione "Sulla famiglia imperiale". Come argomento, cita l'articolo 30, in base al quale ha ereditato il trono. Come dice lei stessa l'ereditiera, la Casa Imperiale è composta da lei e suo figlio. Il resto del popolo, di cui sono membri la famiglia Romanov, è considerato nato in matrimoni morganatici. Questa definizione dovrebbe essere attribuita a coloro i cui padri hanno riconosciuto nel Cirillo degli anni '30 come candidato al trono e ai quali sono stati assegnati alti titoli.

Riconoscimento in Russia

Come capo della Casa Imperiale GrandePrincipessa ha riconosciuto il ROC e alcune associazioni socio-politici. Tra questi, in particolare, comprendono il movimento monarchica russa, Imperiale Union-Order, l'organizzazione di "per la fede e patria", così come "Russian Assemblea Noble". La principessa ha anche ricevuto il riconoscimento dal pubblico straniero. In Russia, lo status ufficiale della Casa Imperiale non esiste ancora. Intraprese, tuttavia, diversi tentativi da ottenere in una forma o nell'altra. Nel 2011, il 22 dicembre, Smirnov (presidente della non riconosciuta moldavo (Pridnestrovian) Ceca) ha firmato un decreto, in base al quale il territorio della separatista Casa Imperiale riconosce la storica istituzione unica, senza i diritti delle persone giuridiche. In questo stato permette di prendere parte alla formazione spirituale e morale e patriottico dei cittadini, conservazione delle tradizioni, del patrimonio storico e culturale della società della Transnistria.

Foto di Mariya Vladimirovna Romanova

Attività sociali

Princess Mary dei primi anni '90. visita regolarmente il territorio della Russia. Ha anche visitato Georgia, Ucraina, Uzbekistan, Armenia e Transnistria. L'erede delle attività ereditarie legate alla carità di bambini e chiese. Ad esempio, nel 2010 ha trasferito le particelle della Croce del Signore al Monastero di San Giovanni (Karpovka, San Pietroburgo), alla Cattedrale di Caterina di Tsarskoe Selo - una parte delle reliquie di S. Caterina. Per la prima volta la principessa ha visitato la Russia insieme a suo figlio nel 1992, ad aprile. Poi hanno avuto luogo i funerali di suo padre. Da quel momento, il capo della casa dei Romanov ha visitato la Patria più di cinquanta volte.

Atteggiamento nei confronti della Russia

In tutte le sue dichiarazioni erede al tronosottolinea il desiderio di servire per il bene della Patria. La Granduchessa dichiara che nelle sue azioni non ci sono intenzioni di imporre un ordine monarchico agli abitanti della Russia. Nota anche che non ha intenzione di mostrare alcuna attività politica o di opposizione. Nel suo lavoro, la Principessa Maria è pronta a sfruttare tutto il potenziale storico e spirituale della casa imperiale (russa).

la famiglia Romanov

La questione della riabilitazione della famiglia reale assassinata

Nel 2005, il 1 ° dicembre, l'ufficio del Procuratore Generale della Federazione Russaun rappresentante della Casa Imperiale ha rilasciato una dichiarazione. Era una petizione per la riabilitazione della famiglia del giustiziato Nicola II, come vittime di repressioni politiche. L'ufficio del procuratore generale ha dichiarato che questo caso non è conforme a una serie di disposizioni della legge. In particolare, la riabilitazione è impossibile a causa del fatto che la famiglia reale non è stata arrestata per motivi politici e la decisione di sparare non è stata presa in tribunale. Nonostante questo, nel 2008 il Presidium della Corte Suprema ha adottato una decisione per soddisfare le esigenze della Casa Imperiale. Nel 2008, altre 52 persone sono state riabilitate dalla cerchia dello zar. Questo è stato deciso dall'ufficio del procuratore generale.

Granduchessa Maria Vladimirovna

Cronologia di alcuni eventi

Da dicembre 2008 sotto gli auspici diLa Casa Imperiale è l'Università economica del commercio statale della Federazione Russa. Nei primi giorni di luglio 2011, insieme a suo figlio, la Granduchessa ha partecipato alle celebrazioni secolari e ai servizi divini a Monaco in onore delle nozze di Alberto II e Charlene Whittstock. Nel 2012, il 25 aprile, la nave da guardia Yaroslav Mudry fu trasferita al patronato della Casa Imperiale. Nel 2013 la Granduchessa divenne a capo di una serie di eventi culturali, scientifici, caritatevoli e pubblici all'estero e in Russia, che furono dedicati al 400 ° anniversario della Casa Romanov. A metà luglio dello stesso anno, l'erede al trono ha ricevuto la gratitudine del Santo Sinodo della ROC per aver partecipato agli eventi. Dal 2014, la principessa Mary Vladimirovna è presidente del consiglio di fondazione della Fondazione imperiale per la ricerca sul cancro.

L'opportunità di essere presente in Russia

Nel 2009, il 28 luglio, il direttore della cancelleriaLa casa imperiale di Zakatov trasmise il desiderio del capo di tornare in Russia. Come ha spiegato l'avvocato, dal 1917 l'organizzazione è in esilio. E il desiderio di tornare in patria è il desiderio di ripristinare l'istituzione. Ad esempio, il direttore della cancelleria guida la ROC e il suo status in Russia. La chiesa in questo caso è separata dallo stato, ma ha comunque una certa autorità e influenza, partecipa a eventi pubblici. In risposta a questo appello, l'Arciprete V. Chaplin ha parlato. Ha detto che lo status di un'associazione religiosa, che è la ROC, non si adatta alla Casa Imperiale, ma una forma di presenza in Russia può essere trovata attraverso il dialogo con i rappresentanti del governo e della società.

Principessa Romanovs

vista

La Granduchessa è considerata coerentemonarchica. Una volta, si oppose attivamente alle restrizioni su 2 condizioni presidenziali in Russia. Secondo la granduchessa, provare la monarchia in Russia nel suo stato attuale è prematuro. Tuttavia, non esclude la possibilità di una rinascita del migliore nelle tradizioni domestiche. Erede al trono, ha detto che le restrizioni della permanenza al potere del presidente di due termini possono essere equiparati alla restrizione della volontà popolare. Per quanto riguarda il ritorno della Casa imperiale in Russia, la principessa ritiene che questo sarà possibile solo dopo che il problema verrà risolto il suo status giuridico come associazione storica. Tra le altre cose, l'erede è piuttosto basato sul principio della nazionalizzazione. La principessa si oppone alla restituzione, in nessun caso non credo che la domanda o chiedere indietro nulla dalla proprietà nazionalizzate. Inoltre, l'erede al trono non raccomanda in alcun modo che qualcuno lo faccia.

Granduchessa di Romanov

Imperial House: un breve riferimento storico

Comprendeva direttamente i rappresentantiDinastia dei Romanov che occuparono il trono reale in Russia. I diritti e doveri dei membri sono stati determinati dalle leggi pertinenti. Uno dei principali era la disposizione "Sulla famiglia imperiale". Inoltre, in effetti, i Romanov, la casa comprendeva rappresentanti delle dinastie Mecklenburg, Oldenburg, Leuchtenberg come eredi del trono per la linea femminile. In conformità con la legge, la famiglia reale era una classe speciale. Si è separato dal sistema di classe per determinati motivi. In particolare, i suoi membri possono essere chiamati ad ereditare il trono, o ad entrare in matrimonio con persone che avevano il diritto al trono alle condizioni regolate dalla legge. A causa di determinate circostanze, nel corso del tempo, altri rami supplementari della dinastia dei Romanov si formarono in Russia. Hanno contato più di quaranta persone. Altre dieci persone appartengono alle famiglie secondarie e morganatiche dei proprietari della famiglia.

  • valutazione: