RICERCA

Regolamentazione statale dell'economia

La regolamentazione statale dell'economia ènecessario sistema di controllo, misure legislative ed esecutive, il cui scopo è quello di stabilizzare l'economia e adattarla alle mutevoli condizioni.

Lo stato svolge funzioni regolatorie attraverso vari metodi e forme di impatto economico. Esistono metodi di regolamentazione come economici e amministrativi.

Nei paesi sviluppati prevalgono le misure economiche.impatto, tra cui si evidenzia la regolamentazione fiscale dell'economia. La politica fiscale è il più antico strumento di intervento statale in un'economia di mercato. Le variazioni del livello di tassazione possono regolare le posizioni più importanti dell'economia, come la domanda aggregata, l'inflazione, la crescita economica, ecc.

Il mercato come meccanismo di controllo èmetodo efficace di coordinamento delle azioni delle entità economiche. Determina la responsabilità per le decisioni aziendali di qualità e i risultati finali dell'attività economica. I prezzi nelle condizioni di mercato si formano sotto l'influenza di fattori di domanda e offerta. Influenzano il processo decisionale nella distribuzione del lavoro, nella politica di investimento, ecc.

Tuttavia, imprevedibile e non regolamentatoil mercato non è in grado di raggiungere gli obiettivi pianificati nel lungo periodo e di assicurare il rispetto dei compiti socioeconomici prioritari. La regolamentazione statale dell'economia a questo riguardo è un fattore necessario per una situazione di mercato equilibrata. Dopotutto, le relazioni di mercato non coordinate possono portare a spese inutili per la produzione di prodotti non reclamati, fallimenti dovuti a cambiamenti delle condizioni di mercato e alla solvibilità delle controparti.

In sostanza, le leggi del mercato determinano le prospettive.sviluppo della società spontaneamente. Ecco quali sono i loro limiti. Pertanto, la regolamentazione statale dell'economia deve essere combinata con il lavoro del meccanismo di mercato.

Lo stato interviene anche nell'economiai paesi più sviluppati. Questa è una misura giustificata e necessaria. È interessante notare che più alto è il livello di setacci produttivi, più significativa è la divisione del lavoro tra le singole imprese e le industrie, maggiore è l'aumento della concorrenza, più diventa popolare la partecipazione all'economia dello stato.

Il principale ideologo della teoria della regolazione economicaè J. Keynes. Secondo la teoria dell'economista inglese, lo stato è obbligato a intervenire nell'economia, poiché il libero mercato non ha meccanismi che possano garantire la stabilità del sistema economico.

Regolamentazione statale dell'economiaè l'impatto degli organi statali su scala federale e regionale sugli elementi del mercato (offerta, domanda), qualità dei beni, condizioni di attuazione, concorrenza, infrastrutture di mercato, ecc.

Oggi ci sono diversi metodi in diversi paesi.regolazione economica: controllo su prezzi, imposte, standard a lungo termine, stime di esperti, limiti limite e altro. Ogni stato sceglie autonomamente i metodi di influenza, essendo guidato dalla loro efficienza in condizioni geografiche e storiche concrete. Ti permettono di influenzare il mercato e regolare il rapporto tra venditori e acquirenti.

I metodi sono costantemente aggiornati e migliorati.sotto l'influenza di nuovi compiti dell'economia. L'uso flessibile dell'intervento statale nell'economia è assicurato dalla combinazione dei principi del mercato con i metodi pianificati.

Regolazione anticiclica dell'economia -la direzione della politica di stato nella sfera economica, che mira a mitigare cicli regolari caratteristici dello sviluppo economico. Tale regolamento si basa sull'uso di stabilizzatori (tasse, benefici, sussidi, ecc.).

  • valutazione: