RICERCA

Segni costanti dell'aggettivo Segni morfologici di aggettivi

Ogni parte del discorso è caratterizzata da certe,solo i suoi segni caratteristici. Questo ti permette di raggruppare parole della lingua russa, a seconda delle loro proprietà grammaticali. Sono studiati da una sezione speciale della lingua russa - morfologia, che tiene conto, tra le altre cose, delle caratteristiche morfologiche non permanenti e costanti dell'aggettivo, del sostantivo, del verbo, ecc. Conoscere le peculiarità delle parti significative e di servizio del discorso aiuta a produrre accuratamente analisi morfologiche e costruire correttamente frasi e frasi.

In russo c'è un chiaro schema di analisi. Per ogni parte del discorso indipendente, include la definizione di un significato grammaticale generalizzato (compresa una domanda), caratteristiche morfologiche (permanenti e non permanenti) e una funzione sintattica nella frase.

segni aggettivi costanti

Qual è l'aggettivo

Questa è una parte significativa del discorso, che è spessousato in testi descrittivi. Gli aggettivi denotano segni costanti di oggetti e rispondono alle domande: quale? di chi? Entrano in connessioni semantiche con nomi e, quando formano frasi, sono coerenti con loro in numero, genere, caso (segni non permanenti). Questa parte del discorso può denotare una proprietà di un oggetto senza la sua relazione (giovane età) o attraverso una relazione (giornata invernale, latte vaccino) ad altri oggetti e fenomeni. A seconda del significato, ci sono tre cifre - questo è un segno permanente - un aggettivo. Nella frase, le parole di questa parte del discorso svolgono la funzione di una definizione o di un predicato.

segni di aggettivi relativi

Divisione in ranghi

Un aggettivo può caratterizzare un soggetto da diverse angolazioni:

  • in forma e posizione nello spazio: palla rotonda, pendenza pura;
  • in taglia e colore: albero enorme, prato verde;
  • per qualità fisiche: giornata calda;
  • sulle proprietà intellettuali e fisiologiche: stupido ragazzo gentile;
  • su base temporale e spaziale: giornale del mattino, rumore della città;
  • sul materiale da cui è fatta la cosa: uomo di paglia;
  • su appuntamento: vestito da notte;
  • per gli accessori: La valigia dello zio.

I segni costanti di un aggettivo sono la loro divisione in tre categorie: qualitativa (caffè caldo), relativo (passeggiata invernale) e possessivo (cravatta del padre). Sono basati sul significato, che corrisponde necessariamente al nome.

Aggettivi qualitativi

Il gruppo più produttivo di questa parte del discorso. Aggettivi qualitativi sono portatori di un tale tratto che può essere osservato più o meno nel soggetto, che spesso si manifesta nella formazione di un grado di confronto. La seconda importante caratteristica di questo gruppo è l'uso breve. Non cambia nei casi ed è un predicato, cioè un predicato, nella frase.

aggettivo costante

I segni costanti di un aggettivo di questa categoria sono mostrati come segue.

  1. La parola può avere insieme alla forma abbreviata completa: il tavolo è enorme.
  2. La presenza del grado di comparazione: questa immagine è più bella, quella casa è più alta, combattente più forte, la più grande vacanza.
  3. La capacità di formare i seguenti gruppi di parole: avverbi -o. esimo: più dolce; nomi astratti: verdura; Forme contenenti una valutazione soggettiva: intelligente; aggettivi complessi (ripetendo): saporito, delizioso; parola radice singola con prefisso non-: sensibile.
  4. Possibilità di inserire una coppia di sinonimi o contrari: gfreddo o caldo (tè).
  5. Utilizzare con avverbi con il valore del grado ALL, MOLTO, ESTREMAMENTE, ecc .: pioggia molto intensa.

Non tutti i segni permanenti elencati sopra.l'aggettivo deve necessariamente apparire nella parola. È sufficiente che almeno uno di loro sia in grado di attribuire l'aggettivo alla qualità. A proposito, alcuni di loro hanno solo una forma breve: deve, felice e altri

segni di aggettivi relativi

Molte parole di questa categoria non derivano: caldo blu. Ci sono anche frequenti esempi della loro formazione da nomi (colore crema), verbi (ragazzo commovente), altri aggettivi: qualitativo (sguardo cupo) o relativo e possessivo mani d'oro, cammina a piedi. Va notato, e la formazione di nuove parole aggiungendo la stessa radice o ripetendo: tappeto bianco-bianco.

La conoscenza di tutte le caratteristiche consente di determinare correttamente i segni permanenti di un aggettivo, ovvero la scarica.

Grado di paragone educativo

La capacità di manifestarsi al soggetto in maggiore oper lo meno, a volte è percepito come un segno costante di un aggettivo. Nel frattempo, la categoria del grado di confronto può avere diverse forme (questa è un'indicazione dell'impermanenza). È una caratteristica distintiva degli aggettivi di alta qualità.

Grado di paragone educativo:

Positivo (nessun voto)

confronto

eccellente

semplice

componente

semplice

componente

bello

bello

Più bello

bello

La più bella, la più bella

Come mostra la tabella, una forma semplice è formata da suffissi (-e, -she, -she, -aish-, -ashe) e composto - parole speciali aggiunte al modulo completo (più o meno) o un semplice grado comparativo (di tutti). Un altro modo - suppletivo, cioè da un'altra base: bene - meglio (compagno).

Le parole usate in un semplice grado comparativo non cambiano.

Segni di aggettivi relativi

Immediatamente si dovrebbe notare che questo gruppo di parole non lo ènon possiede nessuna delle suddette qualità. Il segno, che designano, corrisponde necessariamente con un altro oggetto o evento. Questo si manifesta nella possibilità di sostituire la frase [sostantivo + aggettivo] con il [nome + sostantivo] sinonimo. Ad esempio, una staccionata di legno = una staccionata di legno. La relazione di un soggetto con un altro in aggettivi relativi può essere la seguente:

  • in tempo: incontro dello scorso anno;
  • per posizione: canti di chiesa;
  • per materiale: asta di metallo;
  • su appuntamento: orologio da mensola.

Gli aggettivi relativi includono anche aggettivi complessi, la cui prima parte è il nome: edificio a due piani, bambino di tre anni.

Le caratteristiche morfologiche costanti dell'aggettivo relativo si manifestano anche nel fatto che hanno solo la forma completa.

caratteristiche morfologiche costanti dell'aggettivo

formazione

Derivati ​​per aggettivi relativi sono nomi, verbi, avverbi e il modo di formazione è suffisso (-n-, -an-, -yan-, -in-, -nn-, -on-, l-). Per esempio sguardo nebbioso, ciotola di argilla, tempo di lezione, un rapido sguardo.

Segni permanenti di un nome possessivo aggettivo

Questo gruppo esprime l'appartenenza di un oggetto a qualcuno: una persona, un animale. Prima di tutto, possono essere identificati dalla domanda: la cui? Loro, come quelli relativi, non hanno un grado di confronto, di forme complete e brevi. Questi sono i principali segni permanenti dell'aggettivo di questa categoria.

La particolarità degli aggettivi possessivi è la loro composizione morfemica. Sono derivati ​​da nomi che usano suffissi. -ov-, -ev-, -in-, -ii-: i padri studiano, il cappotto della madre, le orecchie di volpe. Se la qualità e gli aggettivi relativi abbinato è il finale (blu lui), quindi il suffisso possessivo visibile durante la registrazione della trascrizione (composizione del suono) della parola. Ad esempio: volpe [l.IC.esimo.-Eva].

segni aggettivi costanti

Transizione di aggettivi di una categoria all'altra

Significato e caratteristiche grammaticali del nomeL'aggettivo è spesso condizionale. Possono acquisire un significato figurato e passare da una posizione all'altra. Pertanto, un aggettivo relativo spesso svolge il ruolo di qualità, specialmente nelle opere d'arte (un ulteriore mezzo di espressione). Questo può essere visto nell'esempio di frasi con l'aggettivo FERRO: porta - relativo volontà - qualità

I processi inversi non sono così frequenti. Un aggettivo qualitativo di solito cambia lo scarico se fa parte del termine: industria leggera.

significato e caratteristiche grammaticali dell'aggettivo

Gli aggettivi possessivi hanno una proprietà simile. E più spesso si riferisce alle parole associate agli animali. Ad esempio, combinazioni di parole leporino con nomi diversi: tana (Possessivo) un cappello (relativo - da cosa?), vigliaccheria (Qualitativa).

  • valutazione: