RICERCA

La Russia nel 19 ° secolo

La Russia nel 19 ° secolo ha subito un territoriomodifiche. Le terre furono formate, in misura maggiore, a spese dell'Asia centrale, della Transcaucasia, del Caucaso settentrionale. La Russia nel 19 ° secolo divenne un paese altamente popolato. Alla fine di cento anni il numero della popolazione nello stato è cresciuto di tre volte. La Russia politica nel XIX secolo ha vissuto l'era delle riforme e delle reazioni.

Nella nobiltà, che costituiva lo 0,5% della popolazione totale del paese, fu tracciata la tendenza allo sviluppo di grandi proprietà, mentre alcuni nobili cercarono di condurre l'economia in un modo nuovo.

La Russia nel XIX secolo commerciava nel ciboattraverso le fiere, che erano la principale forma di mercato. Quindi, le fiere di Irbitskaya, Novgorodskaya e Kurinnaya erano ben note in quel momento. Alcuni negozi appartenevano quasi tutti agli stranieri. I venditori ambulanti hanno condotto il commercio al dettaglio.

Nel 19 ° secolo, la costruzione di ferrostrade (1837). I principali mezzi di comunicazione e, di conseguenza, il commercio rimase corsi d'acqua - fiumi. Un ruolo dominante apparteneva al mercato interno.

Il principale partner economico straniero dello stato in quel momento era l'Inghilterra.

L'industria del paese praticamente non si è sviluppata. Ciò è evidenziato dalla struttura delle esportazioni statali. Secondo alcuni autori, la storiografia del periodo sovietico formava uno stereotipo che l'inizio della rivoluzione industriale in Russia avvenne negli anni trenta del XIX secolo. Questa disposizione è connessa, principalmente, con il dogma marxista sullo sviluppo del capitalismo nazionale in sincronismo con quello occidentale. La rivoluzione industriale fu la meccanizzazione del lavoro manuale (una sostituzione dei meccanismi), il passaggio alla produzione industriale dalla manifattura. Le classi principali sarebbero il proletariato e la borghesia.

Tuttavia, alcuni storici ritengono che nel primo quarto del XIX secolo la rivoluzione industriale non sarebbe potuta sorgere. La classe più numerosa in quel momento erano i contadini.

Russia nella seconda metà del 19 ° secoloformazione del mercato interno. Da quel momento lo stato ha iniziato a entrare nel commercio mondiale. Insieme all'Inghilterra, la Germania divenne un partner economico esterno della Russia. Poi il rapporto commerciale ed economico cominciò a essere stabilito con il Giappone. Nel 1875 fu firmato un nuovo trattato russo-giapponese (dopo il trattato di Simod) sul riconoscimento delle isole Curili per il Giappone e sulle isole di Sakhalin per la Russia. Tuttavia, le tensioni tra i due paesi rimanevano ancora.

Le riforme russe hanno contribuito in modo significativo alistituzione di uno stile di vita occidentale nel paese. Così, la società divenne sempre più un modo di progresso sociale ed economico. Tuttavia, a causa del fatto che il governo ha fatto del suo meglio per non indebolire la sua posizione, il ritmo di sviluppo nel paese era più basso di quanto fosse possibile.

Cambiamenti nella vita politica ed economicai paesi durante la seconda metà del XIX secolo contribuirono alla formazione di condizioni per lo sviluppo culturale della popolazione. La modernizzazione capitalista ha provocato progressi scientifici e tecnologici, aumentando la necessità di quadri altamente istruiti.

Durante questo periodo si formò l'Intelligentia russa: un nuovo strato sociale indipendente. Gli intellettuali aspiravano alla spiritualità, al servizio del bene delle persone.

La Russia alla fine del 19 ° secolo sperimentò la formazione di un particolare periodo storico e artistico. Questo periodo fu chiamato "l'età dell'argento" nella cultura russa.

Al volgere del secolo, il socio-economicolo sviluppo dello stato ha avuto luogo sullo sfondo del desiderio dell'autocrazia di mantenere la sua posizione internazionale. Creando un potente potenziale militare, il governo perseguì una politica volta ad accelerare l'industrializzazione nel paese.

  • valutazione: