RICERCA

Città polacche: elenco e descrizione

La Polonia è uno dei paesi più antichi d'Europa, le sue radicil'esistenza va alla lontana antichità e la storia ha più di tremila anni. Non sorprende che la sua terra abbia ancora un'impronta del passato: antichi edifici e strutture, antichi monumenti e castelli. La Polonia combina cose incompatibili: le benedizioni moderne della civiltà e la memoria della sua gente, e allo stesso tempo ha il tempo di stare al passo con i tempi. Tutte le città polacche ricordano e conservano i ricordi della loro storia, ognuna delle quali è speciale.

Città della Polonia

Città polacche
Ognuno di loro è bello e unico, pieno diatmosfera unica grazie a strade lastricate, piazze, parchi e musei, natura incontaminata, spirito medievale che vive nell'architettura delle case. Molti degli edifici sono stati conservati nella loro forma originale, qualcosa è stato distrutto dal tempo e dalle guerre, al loro posto ci sono stati edifici restaurati. Il numero di città al momento è 915. Di queste, le più grandi sono Varsavia, Cracovia, Lodz, Szczecin, Wroclaw, Poznan, Danzica. Le città polacche sono il bene più importante del paese, alcune sono protette dall'UNESCO come proprietà culturale. Molti di loro sono famosi per i loro segreti e le loro tradizioni uniche. La città di Zakopane, ad esempio, è famosa per la sua vicinanza alle montagne, l'aria pulita, la spaziosità e lo splendore dei paesaggi. A Elblong, chi desidera ammirare l'enorme porto, Sosnowiec è famoso per la mancanza di industria in città, preservando i monumenti culturali nella sua integrità, Mikolajki è adatto per gli appassionati di attività all'aria aperta.

Cracovia è la città più antica

città polacca
È considerata la città più antica del paese,è il secondo più grande, ma non il più importante. Un tempo era la capitale della Polonia per diversi secoli fino a quando nel 1596, con il cambio di potere, il centro non si trasferì a Varsavia, la città che è la capitale del paese fino ad oggi.

Cracovia - la prima città polacca che fuÈ costruito sul territorio del paese, oggi svolge il ruolo di principale punto di scambio. Sulle sue strade ci sono molti negozi di antiquariato, sugli scaffali dei mercati sono disposti in vendita opere di artigiani e artigiani locali. Ma questo non si ferma al commercio, molti amanti dello shopping vengono costantemente in città per acquistare boutique alla moda di abiti e accessori di marca.

Cracovia è il centro di arricchimento culturale, intrattenimento squisito, tesori storici con centinaia di monumenti e luoghi dove puoi sfuggire alla vanità del mondo e vivere lo spirito della storia.

Centro Paese - Varsavia

la prima città polacca
La città quasi si alzò dalle ceneri dopo gli eventiLa seconda guerra mondiale, ma non gli impedisce di mantenere la reputazione di essere uno dei luoghi più frequentati in Polonia. Non tutti gli edifici che è stata restaurata, conservati nella loro forma originale, ma ancora, in giro per la città, vyprochuvstvuete che ci sia ancora presente lo spirito della storia e del tempo. Insieme con l'architettura raffinata inserisce nell'atmosfera complessiva della modernità, che è famosa per la capitale. Oggi, Varsavia è chiamata la città della gioventù. Il resto della città polacche tanta gloria, non può vantare, e nel frattempo vengono a Varsavia per insegnare agli studenti per le strade sono costantemente la riproduzione di musica per tutta la notte sono locali, bar e discoteche. Sulle aree huddles un sacco di artisti di strada, pronti in ogni momento a disegnare voi sullo sfondo delle principali attrazioni della città come il Castello Reale, re Sigismondo Colonna, Chiesa di Santa Croce, "Palace on the Water", le cattedrali, la cittadella di Varsavia.

Città del Nord - Danzica

Città polacca nel delta della Vistola
La città polacca nel delta della Vistola, la più lungail fiume del paese, è il centro scientifico e culturale del paese. Un gran numero di turisti arriva lì per vedere e godere con i propri occhi le aree sviluppate della scienza, della cultura e dell'arte. La città portuale fu costruita e torreggiata a causa del commercio marittimo, la ricchezza che veniva innaffiata da altri paesi, le permetteva di svilupparsi in tutte le direzioni, praticamente vivendo nel lusso.

Oggi la città si sta sviluppando attivamenteindustrie industriali, cantieristiche, alimentari e petrolchimiche. I residenti di Danzica sono impegnati in un'attività piuttosto rara - la lavorazione dell'ambra, motivo per cui veste orgogliosamente il titolo di capitale mondiale dell'ambra. Altre città polacche semplicemente non possiedono tale conoscenza. Nonostante l'industria attiva, che, a quanto pare, debba inquinare l'atmosfera circostante, la città sta cercando di mantenere un equilibrio e con grande cura per quanto riguarda la protezione dell'ambiente da influenze dannose.

Le città dimenticate della Polonia

città polacca smolensk
Intorno alla metà del 16 ° secolo, il regno polaccoSi è fusa con la lituana Principato e formò una federazione, che aveva il nome di Rzeczpospolita, che letteralmente si traduce come "causa comune". Attraverso numerose battaglie e conquiste cresciuto Federazione nel territorio, catturando la città e prendendo parte in altri paesi: Russia, Moldavia, Ucraina, Bielorussia, Lituania, Lettonia, Estonia e Slovacchia. Durante i disordini in Russia, Rzeczpospolita mirava a Smolensk, e nel giro di cinque anni la città passò sotto la proprietà del nuovo stato. Per restituire la terra portata via, la Russia ha preso quasi mezzo secolo, durante il quale la città è riuscita a penetrare la cultura polacca, i suoi abitanti si sono abituati al fatto che Smolensk - città polacca, per cui è stato perseguitato e minacciato la deportazione in Siberia.

Mito della città polacca

C'è una città di cui puoi inserire il nomenella delusione di alcune persone. Certo, stiamo parlando della città di Yuryev-Polsky, nel cui titolo c'è un chiaro riferimento alla Polonia. Tuttavia, questo è spesso fuorviante. Non fece mai parte delle città polacche, anche se fu attaccato e bruciato dai polacchi nel 17 ° secolo, e il suo nome venne dal suo fondatore, Yuri Dolgoruky. La seconda parte del nome è stata inventata per chiarire la posizione della città. A Suzdal, la parola "opolye" significava un campo, un luogo in cui si trovava la città e lo distingueva da altri che avevano un nome simile: Yuryev, Yuryev-Povolsky e altri. La città si trova nella regione di Vladimir e conserva sul suo territorio monumenti architettonici che sono stati conservati sin dalla fondazione: la Cattedrale di San Giorgio, i resti del Cremlino di San Giorgio e altri.

  • valutazione: