RICERCA

Filosofia ed etica di Aristotele

Lo scienziato greco antico Aristotele èun discepolo del grande pensatore Platone e mentore di A. Macedon. È il creatore di un sistema completo di filosofia che abbraccia varie sfere della vita umana: fisica, logica, politica, sociologia.

etica l'antichità nelle opere di Aristotele raggiungeil più alto sviluppo. Oltre al fatto che il grande pensatore ha sollevato la questione dell'indipendenza della scienza studiando le relazioni tra le persone, ha anche creato una profonda teoria della moralità. Tuttavia, il suo merito principale è la stesura di un lavoro chiamato "Ethics to Nycomed". In questo lavoro parla dell'importanza della scienza della moralità per la società, poiché permette di educare i cittadini virtuosi.

L '"etica" di Aristotele si basa sulla teologia.Un pensatore antico dice che tutte le persone cercano di raggiungere un obiettivo significativo per loro, che il filosofo chiama il bene supremo. In questo caso, i desideri di un individuo coincidono con le aspirazioni dello stato nel suo complesso. Il compito principale delle due parti è quello di ottenere il bene per l'intera società e lo stato. Questo è possibile grazie alla vita attiva intelligente di tutti i cittadini della società. L '"etica" di Aristotele definì per prima cosa il bene come felicità.

Gli obiettivi più alti possono essere raggiunti solo attraversola comprensione delle virtù da parte dell'uomo. La loro essenza sta nella capacità di scegliere l'azione giusta, basata sul principio del "mezzo", evitando la mancanza e l'eccesso. L '"etica" di Aristotele afferma che è possibile conoscere le virtù. Sono compresi solo da ripetute ripetizioni di azioni.

Il filosofo divide le virtù in etico (collegato acarattere della persona, come moderazione, generosità, ecc.) e dianoetico (svilupparsi nel processo di allenamento). Queste caratteristiche importanti per una persona non sono innate le sue qualità, ma acquisite.

L '"etica" di Aristotele descrive le undici virtù attraverso le quali l'uomo può raggiungere uno sviluppo armonioso:

- moderazione;

- coraggio;

- Maestà;

- generosità;

- ambizione;

- magnanimità;

- veridicità;

- uniformità;

- cordialità;

- cortesia;

- giustizia.

Punti di vista filosofici di Aristotele

Il pensatore considera l'essere come una sostanza vivente con le seguenti caratteristiche:

- importa;

- la ragione;

- forma;

è l'obiettivo.

La materia considera come un obiettivofenomeno esistente. È indistruttibile e irrintracciabile, cioè, eterno. La materia non può aumentare o diminuire. Si riflette in cinque elementi: fuoco, aria, terra, acqua ed etere.

Secondo Aristotele, la forma è l'inizio dell'emergere dalla materia delle cose che sono create per raggiungere il bene supremo.

La ragione caratterizza quel momento del tempo, in cui inizia l'esistenza di una cosa. Questo è un tipo di energia che crea qualcosa in pace.

Per tutte le cose c'è un solo obiettivo: il bene più alto.

Riguardo all'anima, Aristotele disse che è eterno e immortale. Il corpo è solo il suo guscio esterno. L'anima secondo Aristotele è il regolatore del comportamento interiore dell'uomo, il principio supremo dell'organizzazione del suo essere.

Lo scienziato ha definito Dio come l'inizio di tutti i principi e la causa di ogni movimento. La divinità è l'oggetto di una conoscenza superiore.

La politica di Aristotele

Il filosofo ha affermato che l'uomo è in grado di viveresolo nella società. La politica è necessaria per le persone al fine di organizzare al meglio le loro vite nello stato. Il suo obiettivo è quello di instillare in tutti i cittadini della società qualità morali che permettano loro di vivere nella giustizia. Ciò è possibile grazie all'educazione nelle persone di virtù, che consiste nella capacità di adempiere al loro dovere civico e alla capacità di obbedire alle leggi. Il politico deve creare la migliore forma di struttura sociale e politica che soddisfi questo obiettivo.

Lo stato è la più alta forma di relazioni tra le persone nella società.

  • valutazione: