RICERCA

Il termine economia politica

Il meccanismo del mercato è complesso e molto dinamicostruttura, che dipende da un numero enorme di fattori: il livello di inflazione, il rapporto tra offerta e domanda, l'attività dei suoi partecipanti, la regolamentazione del governo e, naturalmente, lo stato dell'economia nel suo insieme. Allo stesso tempo, l'ultimo elemento gioca uno dei ruoli più importanti nello sviluppo sano dell'intera società.

il termine economia politica

La formazione di un'economia moderna eral'impatto di un gran numero di scuole ed esercizi. Le direzioni istituzionali, neoclassiche, marxiste, keynesiane, mercantilistiche e di altro tipo hanno dato un enorme contributo a ciò che oggi viene chiamato economia e relazioni di mercato. Le teorie e le riflessioni dei filosofi antichi incoraggiavano i pensatori medievali a cercare di trovare risposte a tutte le domande riguardanti il ​​rapporto tra l'acquirente, il venditore e lo stato.

Quindi, Montchretien è il fondatore della scuola del mercantilismo- per la prima volta ha introdotto una nozione come economia politica. Parte di questo termine è apparso durante la vita di Xenophon. Fu l'antico scrittore e politico greco che introdusse la parola "economia", che significava "leggi di governo". I mercantilisti cominciarono a considerare questo concetto in un senso più globale - in relazione non solo alla famiglia, ma anche allo stato. Pertanto, Montchretien nel suo trattato e ha introdotto il termine "economia politica". Se tradotto parola per parola, significa "gestione pubblica o statale dell'economia".

Economia politica classica inglese

A poco a poco, questa espressione ha cominciato a crescere dappertuttogrande significato ed espandere i confini del suo significato. E, di conseguenza, l'economia politica è diventata una scienza separata. Questi scienziati e pensatori della scuola classica come Smith, Ricardo, Quesnay, Boisguilberg, Turgot, Petit e altri iniziarono ad analizzare non solo la sfera della circolazione, ma anche la sfera della produzione stessa. Questo è ciò che ci ha permesso di considerare i modelli interni del funzionamento di un meccanismo di mercato complesso e ha dato fondamento alla formazione di una scienza così nuova come l'economia politica.

Grazie ai rappresentanti della scuola classica, è stata avviata la teoria del valore del lavoro.

economia politica
Soprattutto chiaramente può essere rintracciato nei lavoriDavid Ricardo, che per primo l'ha portata ai principi fondamentali dell'analisi delle differenze tra salari e profitti, così come tra i profitti e le rendite. In questa teoria della scuola classica è stato finalizzato alla espressione degli interessi degli strati borghesi della popolazione. Fu allora, quando ci fu la nascita del capitalismo e del modo di produzione capitalistico, ed ha guadagnato il suo potere è ancora del tutto non sviluppata la lotta di classe del proletariato. Poi i rappresentanti di questa scuola è diventata ferocemente mantengono otchlenenie atavismo feudale.

È la classica politica inglesel'economia era la base di uno degli insegnamenti marxisti. Tuttavia, non solo la scuola socialista si basa sugli insegnamenti di Ricardo e Quesnay - negli anni '30 del XIX secolo in Inghilterra e Francia, la scienza che è stata modificata e contraddetta dalla teoria dei classici si sviluppa. Rifiuta la già familiare teoria del valore del lavoro e nomina fonti abbastanza diverse: terra, lavoro e capitale. Scienziati come Say, Malthus e Bastia non considerano le leggi dello sviluppo della produzione, ma si affidano esclusivamente a fenomeni economici. Questa teoria fu chiamata "economia politica volgare".

  • valutazione: