RICERCA

Filosofia di Aristotele

Aristotele è un antico filosofo greco che visse nel periodo classico. Il suo insegnante è Platone. Aristotele - il precettore di Alessandro di Macedonia.

La filosofia di Aristotele è complessa e utile. Il grande filosofo si è chiesto non solo le domande dell'ordine mondiale, ma anche l'uomo stesso. Ha dedicato molto tempo all'arte del parlare - retorica.

Dall'età di diciassette anni il grande pensatoreha lavorato e studiato presso l'Accademia di Platone. Platone era il suo insegnante immediato. Dopo essere rimasto all'Accademia per vent'anni, si trasferì nella città di Pele, dove Alessandro Magno fu suo allievo. Quindi ha fondato la sua scuola, dove ha lavorato fino alla sua morte. Questa scuola si chiamava Likey.

L'opera più famosa di questo filosofo:

  • "Retorica";
  • "Metafisica";
  • "Politica";
  • "Poetica";
  • "Organon".

Filosofia di Aristotele

Ha lasciato un sacco di lavoro che ha aiutato questa scienza non solo a sviluppare, ma anche a passare a un livello superiore. La filosofia di Aristotele può essere divisa in tre tipi:

  • teorico - studia i problemi dell'essere, le sue varie sfere, le cause dei vari tipi di fenomeni, l'origine delle cose;
  • pratico - studia la struttura dello stato, così come l'attività umana;
  • poetica.

Distingui anche il quarto tipo: la logica.

La filosofia di Aristotele ha molto a che fare conla filosofia di Platone. Spesso il primo ha criticato il suo insegnante. Ciò era particolarmente vero per le questioni dell'essere - Aristotele era contro le idee pure, perché credeva che le cose dipendessero direttamente dallo stato del mondo, e credeva anche che tutto nel mondo fosse unico, ma questo non esiste.

Aristotele disse che non c'è nulla di pulitoidee che non sono collegati con il mondo esterno, forse solo l'esistenza del gruppo, in particolare certe cose, cosa concreta - un individuo - esiste solo in un determinato luogo in un momento particolare.

Facendo domande sull'essere, il filosofo mostra le sue categorie:

  • l'essenza;
  • atteggiamento;
  • quantità;
  • posto;
  • posizione;
  • tempo;
  • effetti;
  • stato;
  • la sofferenza;
  • qualità.

La filosofia di Aristotele dà la seguente definizione di essere: un'entità che ha le proprietà di quantità, azione, sofferenza e così via.

Tutto, tranne l'essenza, è qui le proprietà dell'essere - cioè, ciò che una persona è in grado di percepire.

La filosofia di Aristotele riguarda anchequestione. La materia è la potenza, che è limitata dalla forma. Riflettendo sulla materia, il filosofo conclude che tutto ciò che esiste sulla terra possiede potenza e forma, la realtà è una sequenza di transizione dalla materia alla forma e viceversa, la potenza è un inizio passivo e la forma è attiva. Egli giunse anche alla conclusione che Dio è la forma più alta di tutte le cose. Dio è al di fuori di ogni essenza.

L'anima è il portatore della coscienza. Può essere vegetale, animale, ragionevole. L'anima della pianta è responsabile esclusivamente dell'alimentazione, della riproduzione e anche della crescita. Grazie all'anima degli animali, possiamo sentire oltre che desiderare. Un'anima razionale aiuta a generalizzare tutto e trarre conclusioni - solo che separa una persona dal mondo animale.

La filosofia sociale di Aristotele afferma questol'uomo è un animale altamente organizzato che ha la parola, così come il pensiero, ha la tendenza a vivere con sé simili. Il bisogno per la propria specie ha reso l'uomo quello che è. L'uomo è un essere estremamente sociale. La sua socialità non sarebbe così forte senza linguaggio.

È anche conosciuta la filosofia politica di Aristotele. Il filosofo ha individuato sei tipi di stati:

  • tirannia;
  • la monarchia;
  • aristocrazia;
  • estrema oligarchia;
  • dominio della folla;
  • politica.

Ha diviso tutti i tipi di stato in "cattivo", anche in "buono". Va notato che considerava la politica come la migliore forma di stato.

  • valutazione: