RICERCA

Famosi nomi polacchi femminili

La cultura polacca è sempre stata nutrita da moltifonti. Da un lato, è stato il slavo credenze, costumi e tradizioni, dall'altro - l'influenza dei paesi dell'Europa occidentale e vicini orientali (Ucraina, Lituania, Russia), con il terzo - il cristianesimo nella tradizione cattolica (e, di conseguenza - l'influenza della lingua latina). È per questo che i nomi delle donne polacche sono di particolare

nomi femminili polacchi
interesse per il ricercatore linguistico.

Le radici slave si trovano a Bozhena e Miroslava,Casimir, Vislava, Czeslawy. Ma queste donne nomi polacchi come Beata, Lucyna, Felicia, Sylvia e Marcellina sono di origine latina. Molti anthroponomy popolare (Anna, Maria, Natalia) lo stesso suono in quasi tutte le lingue. Da altre culture è venuto nomi come Olga (origine scandinava russo), Ilona (in ungherese), Aneta, Bernadette (francese). Tra l'altro, prestare attenzione (questo è particolarmente importante per la traduzione) che molto spesso la scrittura di consonanti doppie o singole non coincide con le regole del nostro ortografia - per esempio, Isabela.

Nomi femminili polacchi

Molto interessanti sono i nomi delle donne polacche grechee di origine ebraica. Il loro interesse sta nel fatto che essi, avendo corrispondenza nella lingua russa, suonano in modo molto diverso. Ad esempio, il greco con il nome di nascita Agnieszka coincide di significato con Agnia. E Katarzyna è Catherine. Ancora più insolito per l'orecchio russo è Malgorzata (Margarita secondo noi) o Elzbieta (cioè Elizabeth). Accentuosamente accarezzando i nomi femminili polacchi, a differenza delle norme della nostra lingua e etichetta, abbiamo un suffisso -k- nella composizione. Lidka, Elka, Olka - questo non è trascurato per i parlanti polacchi, ma, al contrario, per la benevolenza. O il suffisso "-yus-" (-uś): Anus, Gali, Agus. A proposito, un'altra caratteristica interessante: i nomi delle donne polacche che sono omonimi (sembrano esattamente gli stessi) russi, possono avere un'origine completamente diversa. Ad esempio, Lena è un diminutivo non di Elena, ma di Magdalena. O Olya - non da Olga, come in russo, ma da Alexandra. Asya - da John, e non da Anastasia.

Abbiamo nel nostro paese nomi di donne polacche come

Nomi delle donne polacche
Irena, Agnieszka, Vislava. Ma i nostri vicini occidentali hanno preferenze diverse. Ora, nomi come Zofia, Julia, Maya, Lena (come completi), Alexander e Zusann divennero molto popolari. Alcuni anni fa, i cinque più frequentemente selezionati per i neonati includevano Alicia e Victoria. Ma la vecchia generazione (20-30 anni) è popolare con Katarzyna, Joanna, Anna.

È anche interessante il modo in cui sono cambiati i nomi dei polacchiRussia. Da un lato, vi furono diversi secoli di esilio in Siberia anche in epoca zarista. D'altra parte, le delocalizzazioni forzate sotto Stalin. E poi Jozef divenne Lucy (più abituata all'orecchio russo), Albert - Oleg, Jan - Ivan ... Molto spesso il nome "quotidiano" di una persona, ma anche quello ufficiale. E solo più tardi, dopo essere tornato nella patria storica, il nome è stato restaurato. Anche se non è sempre stato facile documentare in base ai documenti. Va anche notato che in Polonia è consuetudine dare dei doppi nomi che non sono scritti tramite i trattini (Bogdan Michal, Julia Patricia), ma dopo. Nella vita di tutti i giorni una persona usa, di regola, solo una e spesso la prima. Tuttavia, potrebbe essere chiamato un secondo, e persino un nome completamente diverso, se non gli piace il fatto che i suoi genitori lo abbiano premiato.

  • valutazione: