RICERCA

Le leggi fondamentali della logica

Nella logica, le sue leggi. Il principale di loro sono quattro.Tre di loro erano formati da Aristotele. Le leggi della logica di Aristotele sono la legge della non contraddizione, del terzo escluso, dell'identità. Molto più tardi, un'altra legge fu aggiunta alle leggi fondamentali: una legge di causa sufficiente.

Le leggi della logica proposizionale hanno una relazione diretta con assolutamente tutto il ragionamento. La forma logica, così come l'operazione eseguita da questo ragionamento, non ha alcun significato.

Ci sono ulteriori leggi di logica. Includono:

  • doppia negazione;
  • contrapposizione.

Varie leggi sono state costruite su queste leggi. Forniscono una connessione di pensieri.

Leggi della logica

La prima legge è legge dell'identità. La linea di fondo è quella in ogni pensiero nel processoragionamento, ci deve essere un contenuto chiaro e interiore. È anche importante che questo contenuto non cambi nel processo. La certezza in un certo senso è una proprietà fondamentale del pensiero. Sulla sua base, la legge dell'identità è derivata: tutti i pensieri devono essere del tutto identici a se stessi. Pensieri diversi non possono essere identificati in nessuna circostanza. Spesso questa legge è violata dal fatto che gli stessi pensieri sono espressi in modi diversi. Inoltre, i problemi sorgono quando si usa una parola che ha molti significati molto diversi. In questo caso, i pensieri possono essere identificati erroneamente.

Identificazione di pensieri incompatibili spessosi verifica quando il dialogo è condotto da persone di diverse professioni, diverse l'una dall'altra nel livello di istruzione e così via. L'identificazione di diversi concetti è un grave errore logico, che in alcuni casi le persone ammettono intenzionalmente.

Le leggi della logica includono legge di non contraddizione. Per cominciare, il pensiero logico èpensare è coerente. Qualsiasi pensiero contraddittorio può ostacolare significativamente il processo di cognizione. L'analisi logico-formale si basa sulla necessità di un pensiero non contraddittorio: se ci sono due concetti contraddittori, almeno uno di essi deve essere falso. Allo stesso tempo, non possono essere veri in nessuna circostanza. Questa legge può agire solo su due giudizi assolutamente contraddittori.

La legge del terzo escluso è anche incluso nelle leggi di base della logica.Il suo effetto si estende a giudizi contrastanti. La linea di fondo è che due proposizioni contraddittorie non sono entrambe false - una è necessariamente vero. Si noti che, contrariamente alle sentenze di cui tali dichiarazioni, una delle quali è che un negano sul soggetto o il fenomeno del nostro mondo, e la seconda, allo stesso tempo mantiene la stessa, circa lo stesso fenomeno o un oggetto. In alcuni casi, potrebbe essere non del tutto il fenomeno o dell'oggetto, ma solo di un particolare di un particolare. Se siamo in grado di dimostrare la verità di una delle sentenze contraddittorie che si sono rivelati automaticamente la falsità degli altri.

Completa le leggi della logica legge di buona ragione. Lui esprime quelle richiestesono presentati alla validità dei pensieri. La linea di fondo è che qualsiasi ragione che abbia una base sufficiente può essere riconosciuta come vera. In altre parole, se esiste un'idea, allora deve esserci la sua giustificazione. Nella maggior parte dei casi, l'esperienza di una persona è una base sufficiente. In alcuni casi, è possibile provare la verità solo fornendo fatti, raccolta di informazioni aggiuntive e così via. Per confermare casi particolari, non è necessario ricorrere ad alcuna esperienza per confermare la verità - nel mondo ci sono molti assiomi, cioè ciò che non ha bisogno di alcuna prova.

  • valutazione: