RICERCA

L'agnosticismo è la dottrina dell'inconoscibilità del mondo

l'agnosticismo è
La questione principale della filosofia è se questo mondo è conoscibile? Possiamo ottenere dati oggettivi su questo mondo con l'aiuto dei nostri sensi? C'è una dottrina teorica che risponde a questa domanda in senso negativo, agnosticismo. Questa dottrina filosofica è caratteristica dei rappresentanti dell'idealismo e persino di alcuni materialisti e dichiara la fondamentale inconoscibilità dell'essere.

Cosa vuol dire conoscere il mondo

L'obiettivo di ogni conoscenza è di raggiungere la verità. Agnostici dubitano che ciò sia in linea di principio possibile a causa dei limitati modi umani di conoscenza. Arrivare alla verità significa ottenere informazioni oggettive che saranno pura conoscenza. In pratica, risulta che ogni fenomeno, fatto, osservazione è soggetto ad influenza soggettiva e può essere interpretato da punti di vista completamente opposti.

La storia e l'essenza dell'agnosticismo

essenza di agnosticismo
L'aspetto di agnosticismo si riferisce ufficialmente a1869, la paternità appartiene a T.G. Huxley, uno scienziato naturale inglese. Tuttavia, idee simili possono essere trovate nell'era dell'Antichità, in particolare nella teoria dello scetticismo. Fin dall'inizio della storia della conoscenza del mondo, si è scoperto che è possibile interpretare l'immagine dell'universo in modi diversi, e ogni punto di vista era basato su fatti diversi e aveva alcuni argomenti. Quindi, l'agnosticismo è un insegnamento piuttosto antico che fondamentalmente nega la possibilità della penetrazione della mente umana nell'essenza delle cose. I rappresentanti più famosi di agnosticismo sono Immanuel Kant e David Hume.

Kant sulla conoscenza

Gli insegnamenti di Kant sulle idee, "cose ​​in sé", chesono al di fuori dell'esperienza umana, caratterizzata dal carattere agnostico. Credeva che queste idee, in linea di principio, non possono essere pienamente conosciute attraverso i nostri sensi.

L'agnosticismo di Hume

Hume credeva anche che la fonte della nostra conoscenza fosseesperienza, e dal momento che non può essere verificata, è quindi impossibile valutare la rilevanza dei dati dell'esperienza e del mondo oggettivo. Sviluppando le idee di Hume, possiamo concludere che una persona non riflette semplicemente la realtà così com'è, ma la sottopone all'elaborazione attraverso il pensiero, che è la causa di varie distorsioni. Quindi, l'agnosticismo è la dottrina dell'influenza della soggettività del nostro mondo interiore sui fenomeni in questione.

Critica di agnosticismo

critica dell'agnosticismo

La prima cosa da notare: l'agnosticismo non è un concetto scientifico indipendente, ma esprime solo un'attitudine critica all'idea della conoscibilità del mondo oggettivo. Pertanto, i rappresentanti di varie tendenze filosofiche potrebbero essere agnostici. L'agnosticismo è principalmente criticato dai sostenitori del materialismo, per esempio, Vladimir Lenin. Credeva che l'agnosticismo fosse una sorta di oscillazione tra le idee del materialismo e dell'idealismo e, di conseguenza, l'introduzione di caratteristiche insignificanti nella scienza del mondo materiale. Inoltre, l'agnosticismo è criticato dai rappresentanti della filosofia religiosa, come Leo Tolstoy, che credeva che questa tendenza nel pensiero scientifico non fosse altro che semplice ateismo, un rifiuto dell'idea di Dio.

  • valutazione: