RICERCA

Storia del cioccolato

La storia del cioccolato, secondo gli esperti,è iniziato in Messico per circa tre anni fa. Circa i frutti del cacao era noto agli indiani d'America della civiltà Olmeca, che esisteva nel 1000 aC. E come è successo?

Storia del cioccolato: l'inizio

Anche prima di grandi e famose civiltà comeMaya e gli Aztechi, nella zona del Golfo del Messico, vivevano le tribù olmeche. Erano solo la prima volta e cominciarono a preparare una bevanda dalle fave di cacao, furono anche i primi a coltivare alberi di cioccolato. A proposito, la parola "kakava" è stata trovata nella vita quotidiana di questa tribù estinta da tempo.

Successivamente, anche Maya divenne dipendente dalla bevanda al cacao,ma lo chiamavano "cioccolato". Negli Aztechi, era chiamato "kakahuatl". A proposito, si è notato che tutti i popoli pagani hanno scelto qualcosa di insolito come oggetti di culto. Le culture indiane per secoli si sono sostituite, ma l'atteggiamento verso il cacao è sempre stato più che reverenziale. I Maya credevano che ci fosse persino un dio del cacao e consumavano una bevanda al cioccolato durante i rituali religiosi, considerandola sacra. Gli Aztechi percepivano anche il cacao come il cibo degli dei, credendo che "kakahuatl" desse loro intuizione spirituale.

Oggi l'antica storia del cioccolato è buonaÈ tracciato attraverso una scoperta sorprendente trovata in Belize. Lì è stato possibile trovare una polvere con un sedimento pietrificato, che, secondo gli scienziati, appartiene al 600 aC. Come risultato dell'analisi chimica, si è scoperto che questo non è altro che pestato, e quindi cotto le fave di cacao, integrate con impurità aromatiche.

La storia del cioccolato ha fatto il suo ulterioresviluppo, quando nel 1502 Colombo sbarcò la sua nave sul suolo americano. Poi gli indiani lo trattarono con una tazza di cioccolata calda. Il viaggiatore, tuttavia, rifiutò di fare il regalo, ma prese una ricetta e frutta di cacao con lui da presentare al re spagnolo. Anche il monarca non apprezza l'innovazione. E solo quando nel 1519 Cortes entrò nella costa messicana e decise di amarissimo cioccolato nero per addolcire lo zucchero di canna, e poi lo portò alla corte reale spagnola, il mondo civilizzato apprezzò questa delicatezza.

Per lungo tempo il cioccolato è stato usato solo informa liquida. La forma piastrellata apparve per la prima volta a metà del 19 ° secolo, quando il pensiero inglese mescolava cacao in polvere con burro di cacao e zucchero. Apparve subito un'enorme richiesta di tavolette di cioccolato. Anche più tardi nel nuovo prodotto ha iniziato ad aggiungere latte - così è nato cioccolato al latte, che oggi è notevolmente in anticipo rispetto alla popolarità di amaro.

Oggi il mondo intero adora il cioccolato, che puògrazie alle tecnologie di produzione più avanzate per eseguire in modi completamente diversi. Oggi i pasticceri producono questo prodotto sulla base di cacao con frutta a guscio, latte, fondente, ripieni allo yogurt, con una griglia, frutta secca, frutta candita, riso arieggiato e anche un po 'di pepe in fiamme. La glassa al cioccolato decora tradizionalmente la maggior parte dei dolci e torte. E, naturalmente, a tutti i bambini e gli adulti piace bere una bevanda al cacao la mattina e ottenere una bella figurina di cioccolato per questa o quella vacanza.

Un museo del cioccolato a Mosca - è un fantasticoposto favoloso, dove i sogni di ottenere ogni bambino a fare un giro sul fiume di cioccolato (a proposito, lei è raffigurata sul pavimento dello stabilimento) nel mondo dei dolci, dolce e amaro allo stesso tempo. Adulti, di sicuro, sarà anche non senza interesse per la ricca esposizione tematica presentata qui, che ha reso i reperti provenienti dalle collezioni di tali pasticcerie leggendari come Rot frontale, Ottobre Rosso, Babaevskaya e portato da Guatemala, Honduras e Messico, la collezione etnografica di oggetti, in un modo o in un altro connesso con la cacao.

  • valutazione: