RICERCA

Principi di gestione nella gestione, loro classificazione e approcci

Considera in modo più dettagliato i principi della gestione nella gestione. Come già notato, sono di due tipi, generali e particolari.

Principi di gestione nella gestione generaleimplica una natura universale e estendere la loro influenza su quasi tutti i settori dell'economia e della gestione in esso. Le seguenti categorie possono essere considerate come tali principi generali: pianificazione, intenzionalità, stimolazione, disciplina, competenza, gerarchia.

Per quanto riguarda i principi privati, lo sonodi solito hanno una natura locale e sono impegnati nella regolamentazione dei singoli processi di gestione in un particolare settore o in una singola impresa. Questi principi sono sviluppati da ogni impresa o industria in modo indipendente, in conformità con le esigenze o tradizioni, cultura o requisiti consolidati.

Come ogni attività, anche la gestionesoggetto alla subordinazione di leggi che definiscono vari limiti e restrizioni. I principi di gestione nella gestione devono anche rispettare le leggi e le restrizioni che impongono.

I principi stessi non sono rari e definiscono certocriteri e requisiti per la gestione dell'organizzazione, possono descrivere quello che dovrebbe essere il capo dell'azienda e aiutare a creare una base sicura per una gestione efficace.

Allo stesso tempo, non è richiesto un singolo managerseguire direttamente e con precisione i principi di gestione, idealmente la testa stessa dovrebbe formarli, indipendentemente in base alle posizioni di base di tali principi formulati da scienziati ben noti in questo campo. Ma spesso i manager prendono come base alcuni principi e li personalizzano semplicemente in base alle loro esigenze sulla base della necessità e dell'ambiente, ad eccezione dei principi generali che sono uguali per tutti con piccoli cambiamenti.

Un esempio di uno dei principi generali può essere consideratoprincipio di competenza. E lavora per tutti i manager, perché un manager inconsapevole (incompetente) non può gestire efficacemente un'impresa.

I principi privati ​​non dovrebbero contraddire intrinsecamente il generale. Come accennato in precedenza, per principi particolari, ogni organizzazione come gestione degli oggetti di gestione considerato separatamente. Ed è proprio questi principi di gestione nella gestione che permettono di mostrare tutta l'intraprendenza e l'ingenuità di un manager. Di conseguenza, quando si analizzano i principi privati, si possono giudicare le caratteristiche del management in un'azienda, nell'intero settore o nel gestore.

La classificazione dei metodi di gestione nella gestione spesso dà luogo allo sviluppo di principi particolari.

Considera questi principi di gestione di base ingestione come programmata e mirata, disciplina e incentivo, tutti questi principi possono differire a seconda del paese (nazione). Ad esempio, gli approcci in Giappone al principio disciplinare sono completamente diversi dalle opinioni su questo principio tra gli altri paesi. La principale differenza di questo principio non è che il subordinato semplicemente non può, non obbedisce al manager, no, la differenza essenziale è che nella versione giapponese il supervisore e il lavoro subordinato utilizzano i metodi di esecuzione volontaria, non imponenti come nel modello di gestione americano. Tali approcci diversi indicano che, nonostante il fatto che i principi generali siano gli stessi per tutti, possono essere implementati in modi completamente diversi, tenendo conto della mentalità delle persone e delle tradizioni storiche culturali stabilite nella società. Se in Giappone si professano i principi dell'ideologia orientale, allora gli Stati Uniti collocano soprattutto l'indipendenza di una persona come individuo, che spesso crea focolai di disobbedienza tra i dirigenti. E per gli Stati Uniti, questo non è considerato un cattivo indicatore di un'impresa o di un'organizzazione.

  • valutazione: